Studio Wok progetta una casa di campagna vicino a Verona Studio Wok progetta una casa di campagna vicino a Verona
Architettura

Studio Wok progetta una casa di campagna vicino a Verona

Scritto da Redazione |

12 Marzo 2019

Un dialogo spaziale e materico tra storia e contemporaneità. Secondo gli architetti di Studio Wok è questa la definizione giusta per la nuova abitazione ricavata in una parte del fienile di una corte agricola alle porte di Verona, vicino al fiume Adige.

Un progetto caratterizzato anche dalla sostenibilità ambientale: oltre all’uso di dispositivi tecnici e impiantistici per il contenimento energetico, è stata infatti riservata un’attenzione speciale al territorio e al paesaggio circostanti nell’impiego dei materiali e nelle scelte progettuali.

Assieme all’edificio è stato riprogettato anche il giardino circostante, oggi parte integrante della casa: qui una magnolia, delimitata da un’aiuola quadrata nera, a contrasto con il tappeto lapideo su cui è incastonata la piscina, è protagonista dello spazio esterno e dialoga idealmente con l'abitazione.

Sulle facciate è stato distaccato l’intonaco, così da portare a vista i ciottoli di fiume che costruiscono i muri portanti dell’edificio, mentre sul fronte verso il giardino è stato riaperto un grande arco precedentemente tamponato, memoria della storica funzione agricola, per farlo diventare il fulcro attorno al quale distribuire gli spazi della casa; ancora, un grande serramento arretrato incornicia l’arco in muratura, diventando soglia ed elemento di dialogo tra lo spazio interno e il giardino.

Il fronte verso la corte è caratterizzato poi da una facciata vetrata con montanti in legno che ricorda, in chiave contemporanea, le tamponature lignee tipiche dei fienili delle corti rurali della zona.

I materiali delle facciate sono tradizionali e tipici dell’architettura rurale del veronese: sulla facciata in ciottoli di fiume si innestano delle moderne cornici in Biancone, pietra locale proveniente dalla Lessinia, elementi monolitici che ospitano i serramenti in larice.

La casa è organizzata su tre piani e tutti i livelli dialogano con lo spazio a tutt’altezza del soggiorno: il piano terra, caratterizzato da una pavimentazione in pietra di Vicenza, accoglie gli ospiti in un ampia zona soggiorno e in una biblioteca con camino di mattoni; i piani superiori, percepiti come un volume di legno appeso al soffitto, ospitano le camere da letto.

Infine, i rivestimenti in multistrato di betulla disegnano e definiscono lo spazio interno segnando una chiara distinzione tra le parti della casa, perfettamente integrata nel paesaggio circostante.

Questo articolo parla di:

Precedente

Il nuovo progetto di Studio Tortato è un omaggio alla domus romana

Successivo

duka, la nuova sede inaugura l’era del 4.0

Tortona Design Week ai blocchi di partenza: ecco gli eventi da non perdere
Design

Tortona Design Week ai blocchi di partenza: ecco gli eventi da non perdere

Ricerca, tecnologia, sperimentazione, progettualità ancorata al contemporaneo: si svilupperà a partire da questi...

Qualità dell’abitare e rilancio dell’economia: cosa è accaduto all’ultimo MADE Expo
Architettura

Qualità dell’abitare e rilancio dell’economia: cosa è accaduto all’ultimo MADE Expo

Si è chiusa con un importante guanto di sfida la nona edizione di MADE Expo, la più importante manifestazione in Italia per...

Milano Design Week 2019, l’illuminazione design di Patrizia Volpato a Hotel Regeneration
Design

Milano Design Week 2019, l’illuminazione design di Patrizia Volpato a Hotel Regeneration

Profondamente radicato nel territorio del veneziano, il marchio Patrizia Volpato nasce nel 1980 da un’azienda artigiana...