Architettura

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower

Febbraio 23, 2018

scritto da:

Antonio Citterio e Patricia Viel per la nuova Taipei Sky Tower

Un grattacielo verde, a forma di canna di bamboo. È questo il progetto che cambierà in pochi anni lo skyline della città di Taipei, progettato dallo studio di design e architettura italiano fondato da Antonio Citterio e Patricia Viel

La nuova Taipei Sky Tower sarà alta 280 metri e ospiterà ben due hotel di lusso, distinguendosi per gli spigoli curvi, l’estremità angolata e la facciata scanalata in vetro verde, che ricorda visivamente proprio le canne di bamboo cinese ma allo stesso tempo anche le colonne tipiche dell’antica Grecia. 

L’obiettivo è quello di ricreare l’effetto della luce giallo-verde che si genera tra le piante di bamboo al passaggio dei raggi di sole, combinando la trasparenza del materiale con il profilo pieghettato dell’edificio per ottenere una sorta di “pelle vegetale”. 

Lo studio Citterio-Viel si occuperà anche del progetto d’interni per il Park Hyatt Taipei, uno dei due hotel di lusso che saranno ospitati all’interno della torre, mentre gli interni dell’altro hotel, il Taipei Andaz, saranno realizzati dallo studio di design e architettura con base a Shanghai Neri&Hu. 

La torre disporrà anche di un’area commerciale sopraelevata, dotata di piscina, e si troverà al centro del Xinyi District di Taipei, il distretto finanziario e dello shopping dove si trovano alcuni degli edifici urbani più prestigiosi. 

L’edificio mira ad attrarre sia la crescente classe ricca del Paese sia il numero sempre maggiore di turisti internazionali, che dovrebbe raggiungere la cifra di 19 milioni entro il 2020, quando il progetto sarà completato.