Antonio Citterio e Patricia Viel scelgono la Pietra di Vicenza per gli interni del NOVE Antonio Citterio e Patricia Viel scelgono la Pietra di Vicenza per gli interni del NOVE
Architettura

Antonio Citterio e Patricia Viel scelgono la Pietra di Vicenza per gli interni del NOVE

Scritto da Redazione |

28 Marzo 2019

Siamo a Monaco di Baviera, nel quartiere Arnulfpark: un’area distribuita su una superficie di 7.300 metri quadri che comprende un eccezionale insieme di architetture urbane contemporanee di alta qualità, un vasto complesso di uffici, immobili residenziali e commerciali, sorto nel giro di pochi anni.

Qui s’innalza l’edificio per uffici NOVE, un prestigioso progetto firmato da Antonio Citterio e Patricia Viel e sviluppato poi da Horus Development GmbH, una joint venture di Salvis Consulting AG e Art-Invest Real.

Completato nel 2017, in soli due anni, l’edificio vanta 27000 m2 di spazio utilizzabile su sei piani, circa 1300 postazioni di lavoro, un ampissimo e arioso atrio, un grattacielo di nove piani integrato e terrazze sul tetto con vista sulle Alpi.

Punto di forza che ne esalta l’estetica e la peculiarità architettonica è la facciata, che si distingue da lontano grazie a cornici in alluminio dorato bronzato che conferiscono all’edificio particolare profondità, dinamismo e un effetto tridimensionale.

Gli eleganti e luminosi interni comprendono poi generose aree comuni, con l'atrio vetrato a tutta altezza che rappresenta il nucleo principale della struttura; la disposizione degli spazi ispira relax e collaborazione, mentre i piani superiori sono riservati alla privacy del lavoro.

Infine, cortili interni, giardini e terrazze completano armoniosamente gli spazi degli uffici, regalando l’immagine di un ambiente unico, flessibile e piacevole da vivere.

In questo splendido contesto si colloca però una importante protagonista nel design d’interni: è la Pietra di Vicenza, proveniente da cave Grassi Pietre e caratterizzata da un aspetto al tempo stesso materico e contemporaneo.

Circa 4000 m2 della Pietra del Palladio, nella declinazione Grigio Alpi, compongono così l’ampia parete ventilata utilizzata per il rivestimento delle aree comuni dei vari piani del palazzo e di diverse altre zone di stazionamento e passaggio; lo stile della pietra impreziosisce inoltre le multifunzionali aree di accoglienza e riunione, gli eleganti corridoi e i vani degli ascensori.

Il NOVE è stato progettato come Green Building ed è stato certificato LEED Platinum (Leadership in Energy and Environmental Design), dall’omonimo ente americano; ha inoltre ricevuto il premio European Property Award, riconoscimento rivolto alla proprietà e alle aziende operanti nei settori immobiliari per la categoria “Miglior sviluppo di edificio adibito ad uffici”.

Un progetto in grado di unire il fascino di una materia prima storica con il gusto moderno del workplace, una grande sfida di progettazione indiscutibilmente vinta.

Questo articolo parla di:

Precedente

Milano Design Week 2019, “La Foresta dei Violini” firmata Piuarch

Successivo

StudioMABB, a Brescia un vecchio casale diventa un ristorante

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di...

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino
Architettura

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

L’architettura in un cioccolatino. Sorprende e incuriosisce la scelta dell’ADI Design Index 2019 di selezionare come...

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen
Design

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Siamo a Essen, in Germania, una città dalla duplice anima: da un lato la grande storia dell’industria siderurgica locale...