Biennale Architettura, Lualdi omaggia Caccia Dominioni Biennale Architettura, Lualdi omaggia Caccia Dominioni
Architettura

Biennale Architettura, Lualdi omaggia Caccia Dominioni

Scritto da Redazione |

26 Giugno 2018

Alla Sedicesima Biennale di Architettura di Venezia curata da Yvonne Farrell e Shelley McNamara partecipa anche l’azienda Lualdi, supportando la mostra/installazione dedicata da Cino Zucchi all'urbanista e architetto milanese Luigi Caccia Dominioni, recentemente scomparso all'età di 103 anni.

Del resto, per Lualdi in particolare, marchio produttore di porte, boiserie e sistemi di arredamento, l’architetto ha delineato una svolta focale per il processo di industrializzazione che ha visto l'azienda trasformarsi da falegnameria a brand internazionale a partire dagli anni 60 del secolo scorso. 

Caccia Dominioni scelse infatti Lualdi per la realizzazione del suo progetto Casa Pirelli, abitazione privata costruita nei pressi della Chiesa di San Simpliciano a Milano, una "casa lombarda" dall'aspetto sobrio e compatto, dove i caratteri figurativi della tradizione costruttiva locale vengono rielaborati in chiave moderna e, soprattutto, dove viene scelta la capacità di Lualdi di personalizzare i propri prodotti per la realizzazione degli infissi e dei sistemi di arredamento. 

Nel 1962 e poi nel 1982 l’azienda e l’architetto tornarono a collaborare per la realizzazione di due modelli di porta, LCD e Super, che tutt'oggi rappresentano i modelli più iconici della sua produzione. 

L'occasione non poteva essere quindi più gradita della mostra/installazione “Everyday wonders/Meraviglie quotidiane - CZ reads LCD/CZ legge LCD” per celebrare un'amicizia durata fino alla scomparsa dell'architetto, ma che tutt'ora resta nella storia e nella memoria dei suoi protagonisti.      

La mostra/installazione allestita in Biennale fino a novembre si concentra in particolare sul complesso edilizio progettato da Luigi Caccia Dominioni in Corso Italia, a Milano (1957-64), e illustra il preciso e al contempo eccentrico “innesto urbano” della via, passando progressivamente dalla scala della città a quella del materiale e del dettaglio.

Una cupola ellittica progettata per l’occasione è sezionata da piani verticali che la intersecano generando archi ribassati e penetrata da lame verticali che determinano gli ingressi agli spazi interni. 

Lo stucco “Rosso pompeiano” che riveste i muri interni è poi lo sfondo per una serie di disegni originali, plastici interpretativi a diverse scale, e un reportage fotografico di Cino Zucchi (la cui vita professionale e professionale ha più volte incrociato il cammino con quella di Caccia), accompagnando il visitatore attraverso una narrazione spaziale che enfatizza la ricchezza e la qualità della vita urbana. 

Un appuntamento che ha per protagonisti due grandi del Made in Italy, davvero da non perdere.

Questo articolo parla di:

Precedente

La nuova distilleria Macallan in Scozia

Successivo

GBPA Architects ridisegna il Palazzo del Fuoco a Milano

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano
Design

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano

L’alluminio come materia prima su cui costruire l’essenza di una collezione per la tavola eclettica e sofisticata. È la...

Cugó Gran Macina Grand Harbour Hotel, il progetto di DAAA Haus a Malta
Architettura

Cugó Gran Macina Grand Harbour Hotel, il progetto di DAAA Haus a Malta

Nel 2017 a Malta un edificio dallo strordinario valore storico è diventato un lussuoso boutique hotel grazie al progetto...

Hook, lo smart working diventa pop
Design

Hook, lo smart working diventa pop

Nell’età dello smart working la presenza di un angolo studio in casa è un’esigenza sempre più sentita: per questa...