Architettura

Che cosa sappiamo del nuovo stadio di San Siro

Ottobre 3, 2019

scritto da:

Che cosa sappiamo del nuovo stadio di San Siro

Dopo mesi di dubbi, polemiche e voci di corridoio, lo scorso giovedì 26 settembre i gruppi dirigenti delle due squadre di calcio milanesi Inter e Milan hanno presentato ufficialmente nella sede Bovisa del Politecnico di Milano i due progetti architettonici per la costruzione del nuovo stadio di San Siro, destinato a sostituire il vecchio (e storico) stadio Giuseppe Meazza.

Il primo dei due progetti è stato elaborato dallo studio di architettura Populous, con base negli Stati Uniti, e prevede un impianto di forma squadrata dotato di una capienza pari a circa 60/65 mila posti a sedere: il concept estetico si ispira vagamente alle guglie del Duomo e alla Galleria Vittorio Emanuele II, due monumenti emblematici della città.

Il secondo progetto è stato invece proposto dallo studio di architettura italoamericano Manica Sportium e consiste in una struttura ovale della stessa capienza di 60/65 mila posti composta da due anelli intrecciati, che vogliono rappresentare l’antico ed eccezionale legame tra le due squadre.

Inter e Milan saranno chiamate a scegliere una delle due soluzioni dopo aver completato analisi e valutazioni specifiche in collaborazione con il Comune di Milano; a tal proposito, è possibile che vengano introdotte modifiche anche radicali ma restano comunque certe, in entrambi i casi, la demolizione dell’attuale stadio Meazza e la riqualificazione profonda dell’interno quartiere San Siro.

Inoltre, il nuovo impianto avrà un’altezza inferiore rispetto all’attuale e il campo sarà posto a sette metri sotto lo zero di progetto; si troverà a est della zona che ospita ora il Meazza e sarà più vicino alla fermata della metropolitana M5.

Il costo stimato per la costruzione del nuovo stadio si aggira intorno ai 650 milioni di euro; i lavori dovrebbero durare circa tre anni e giungere al termine in tempo per le Olimpiadi Invernali 2026, dal momento che vi si svolgerà proprio la cerimonia inaugurale.

Images Courtesy of Populous & Manica Sportium.