Architettura

Club Made in Italy, a Milano va in scena il business Italia-Cina

Giugno 11, 2018

scritto da:

Club Made in Italy, a Milano va in scena il business Italia-Cina

Italia e Cina: un binomio di portata storica che oggi è impegnato a consolidare la sua relazione, attraverso legami di business destinati ad accrescere la ricchezza economica e culturale di entrambi i Paesi. 

È proprio questo l’obiettivo di Club Made in Italy, una realtà che ha ormai 4 anni di vita e si configura come network costituito da aziende italiane dell’arredamento e da architetti italiani che lavorano con committenze cinesi, coordinato da Federlegno Arredo Eventi, il quale si pone come attivatore di sinergie tra questi protagonisti e come “ombrello istituzionale” nei confronti del governo e delle istituzioni locali cinesi.

 A fronte dell’esigenza delle aziende coinvolte nel progetto di avere momenti di incontro fattivi con i protagonisti del business cinesi, per il 2018 sono cono stati progettati tre eventi di incontri B2B a Milano a cui partecipano developers cinesi e dedicati esclusivamente alle aziende del Club.

Il 15 e 16 maggio le aziende e gli architetti italiani del Club Made in Italy hanno dunque avuto la possibilità di interfacciarsi con due big del real estate cinese, Hainan Jian Feng Corporation e Hongkun Real Estate Development, in due articolate giornate di B2B personalizzati.

L’evento, che ha avuto luogo a Milano presso la sede di HOAA Group, ha coinvolto numerose aziende ed architetti: Anacleto Mariani, Atmosphera, Caccaro, Calligaris, Elledue, Fantoni, Formitalia, Garofoli, Molteni, OAK, Richard Ginori, Sicis e Visionnaire, Studio Marco Piva, Studio Cerri, Studio Rotella, De Ponte Studio Architects, Studio Asia e Duccio Grassi Architects.

Ai lavori delle due giornate, volti a favorire lo scambio di informazioni su progetti e opportunità di business, si è voluto inoltre abbinare un momento informale di interazione: un aperitivo di networking in una prestigiosa location affacciata su Piazza Duomo.

L’occasione è stata dunque perfetta per generare concrete opportunità di conoscenza e attività, mettendo in contatto due mondi apparentemente lontani ma in realtà accomunati dallo stesso slancio imprenditoriale e creativo, nel segno dell’innovazione di qualità. 

Noi c’eravamo e abbiamo avuto l’occasione di scambiare due parole con i designer presenti.