Architettura

Dal cinema al design, il progetto di Luca Guadagnino per Aesop

Gennaio 30, 2019

scritto da:

Dal cinema al design, il progetto di Luca Guadagnino per Aesop

La creatività non ha confini. Lo sa bene Luca Guadagnino, regista pluripremiato amatissimo negli Stati Uniti (l’ultima opera è il remake dello storico Suspiria di Dario Argento) che ha abbandonato a sorpresa la cinepresa per dedicarsi al design.

Con il suo nuovo studio di progettazione ha infatti realizzato gli interni del negozio Aesop appena aperto a Roma e situato a 600 metri dal Pantheon: per il marchio australiano di cosmetici Guadagnino voleva una perfetta integrazione con il contesto locale, a partire dalla vicina chiesa di San Lorenzo in Lucina.

Un’idea concretizzatasi grazie all’uso di materiali come il legno, la paglia, il travertino color panna e moka per i pavimenti e i diversi marmi per i banconi, mentre i lavabi sono monoliti in pietra chiaramente ispirati alle antiche fonti battesimali.

Nell’ambiente, illuminato da una grande lampada a sospensione in vetro curvato fatta a mano a Murano, non manca infine il tocco cinematografico: tra gli scaffali in lacca rossa e crema, gli espositori più alti in bachelite laccati nero sono un richiamo alla montatura degli occhiali di Pier Paolo Pasolini. Ciak si gira.