Architettura

Dalla Milano antica alla Milano del futuro: la riqualificazione di Asti Architetti

Aprile 26, 2022

scritto da:

Dalla Milano antica alla Milano del futuro: la riqualificazione di Asti Architetti

 

In via Santa Margherita a Milano, al civico 11, si trova un palazzo risalente all’Ottocento, come mostra la facciata di uno dei due corpi di fabbrica. L’altro, invece, più basso di due piani, ha una connotazione più moderna e affaccia su Piazza Ferrari. Entrambi i corpi di fabbrica hanno coperture a falde che si sviluppano attorno a una corte interna. Qui Asti Architetti ha avviato un’importante lavoro di riqualificazione.

Il progetto, oltre alla totale rifunzionalizzazione architettonica, strutturale, impiantistica ed energetica del palazzo, verterà sull’enfatizzazione del concetto di “scoperta” della preziosità del cuore stesso dell’impianto planivolumetrico, trasformandolo in uno scrigno prezioso a protezione della corte interna. Il tutto con una radicale trasformazione delle facciate che, grazie all’utilizzo del vetro, enfatizzeranno la trasparenza e la vivibilità degli interni.

Le vetrate consentiranno di interpretare le facciate interne in chiave contemporanea, mantenendo altezze e volumi esistenti. L’ultimo piano del corpo di fabbrica che affaccia su via Santa Margherita, invece, nel rispetto dell’impostazione compositiva della facciata neoclassica sottostante, prevede l’apertura di cappuccine sulla falda esterna che, pur restando molto discrete e non visibili dalla strada, fungono da veri e propri cannocchiali sul centro storico circostante. Per la falda interna al contrario, cappuccine continue, affiancate e totalmente trasparenti, costituiranno la naturale prosecuzione della facciata vetrata sottostante ,seppur in posizione arretrata per assicurare il corretto soleggiamento della facciata interna prospiciente.

Il piano terra invece, dedicato al retail, sarà aperto il più possibile alla città, consentendo il doppio accesso da via Santa Margherita e da Piazza Ferrari.

A completare il progetto anche l’inserimento di un tocco di verde all’interno della corte con un ulivo secolare, cifra stilistica inconfondibile dello Studio Asti Architetti.