Architettura

Il nuovo Campus Certosa firmato Giuseppe Tortato

Novembre 26, 2019

scritto da:

Il nuovo Campus Certosa firmato Giuseppe Tortato

A Milano, la città che oggi più di tutte in Italia ha saputo diventare polo attrattivo per migliaia di studenti provenienti da tutto il mondo grazie alle sue università d’eccellenza, è stato recentemente rinnovato un grande complesso residenziale destinato proprio agli universitari, situato in una zona periferica che è al tempo stesso un punto nevralgico per il suo posizionamento di fronte alla stazione Certosa e in prossimità di servizi come il passante ferroviario, supermercati e l’università del Politecnico.

Si tratta del Campus Certosa, comprendente 150 stanze distribuite all’interno di una superficie di 7.500 metri quadrati articolata su 3 edifici risalenti ai primi anni del 2000: su richiesta della committenza (il campus è di proprietà di Investire Sgr ed è gestito da In Domus insieme ad altre residenze per studenti situate in Bicocca e in zona Lambrate) lo studio Giuseppe Tortato Architetti è stato chiamato a sviluppare un progetto di restyling completo dell’interior dell’edificio, a partire dalle zone comuni, con l’obiettivo di rinnovare l’immagine del complesso e al contempo renderlo più accogliente.

L’architetto ha così totalmente ripensato l’organizzazione degli spazi interni dedicando particolare attenzione agli ambienti comuni e conviviali, creando zone informali e colorate, grazie all’utilizzo di arredi a “cluster” e materiali con un richiamo industrial, rendendo così appagante la permanenza sia per chi sia interessato allo studio sia per chi voglia semplicemente socializzare con una partita di calcetto o passare del tempo in compagnia.

Inoltre, in linea con la filosofia dello studio, focalizzata sul benessere di chi vive gli spazi progettati, sono stati creati nuovi affacci verso il parco comunale, consentendo in questo modo un maggior apporto di luce naturale nel corso del giorno.

L’edificio centrale e i piani terra delle due torri sono adibiti a zone comuni e luoghi di aggregazione e ricevimento: qui si trovano spazi come le sale studio riservate agli ospiti del campus, con una sala più piccola destinata ad accogliere fino a 15 persone e una più grande fino a circa 40 posti, la zona riservata alla palestra, con una grande vetrata che si affaccia sulla piazza, e infine la zona per la cucina.

Il progetto di restyling ha coinvolto anche i colori alle pareti e gli arredi: sia per le zone comuni che per la lounge l’obiettivo è stato quello di creare un senso di movimento e di eleganza, attraverso toni neutri, luci studiate e posizionate ad hoc e una nuova pavimentazione che sottolineasse gli arredi su misura scelti dalla committenza.

L’intervento dello studio Tortato ha coinvolto anche le stanze (singole e doppie) e gli appartamenti (da 2 e da 4 persone, alcuni anche con la cucina all’interno) che si trovano dislocati nelle due torri: attraverso una riorganizzazione sia degli arredi esistenti che di quelli nuovi è stata garantita una maggiore privacy ai residenti, mentre all’interno di una stessa stanza, per esempio, sono state creati dei piccoli separé che permettono alla luce di entrare e allo stesso tempo concedono la privacy necessaria.

La rigenerazione del Campus infine è stata studiata anche ripensando all’immagine le facciate esterne dell’edificio centrale con un uso del colore, una sorta di arcobaleno geometrico, che si ispira e replica la tecnica dei “murales”.

Nasce così uno spazio privilegiato per gli studenti, che qui hanno modo di trovare un’abitazione e anche dei luoghi comuni all’interno dei quali incontrarsi, studiare, fare attività sportiva e costruire a 360 gradi il proprio futuro.