Il nuovo volto di Parigi: come cambia l’area della Tour Eiffel Il nuovo volto di Parigi: come cambia l’area della Tour Eiffel
Architettura

Il nuovo volto di Parigi: come cambia l’area della Tour Eiffel

Scritto da Redazione |

12 Giugno 2019

Più o meno tutti noi, quando pensiamo a Parigi, richiamiamo alla mente un’immagine abbastanza chiara della Tour Eiffel e del panorama urbano che la circonda: una fotografia che comprende non solo il monumento più famoso di Francia ma anche la vasta spianata del Campo di Marte, il Trocadéro, l’École militaire e poi una serie di strade trafficate e non particolarmente suggestive.

Questo paesaggio tipico della zona, visitata ogni anno da oltre 30 milioni di persone, è però destinato a cambiare radicalmente entro il 2024, quando in città si terranno le attese Olimpiadi: lo studio di architettura londinese Gustafson Porter + Bowman si è infatti aggiudicato il bando per la riconfigurazione dell’area in chiave di rigenerazione urbana e maggiore vivibilità.

Il progetto prevede la trasformazione di uno spazio attualmente congestionato e scarsamente valorizzato in un luogo accogliente per cittadini e turisti, grazie alla creazione di una zona pedonale arricchita da giardini, laghi, fontane e all’introduzione di location per concerti, performance e installazioni artistiche.

L’obiettivo è inoltre quello di migliorare i collegamenti tra le principali attrazioni turistiche della zona: di conseguenza, lo stesso Pont d’Iéna diventerà un viale alberato a cavallo tra le due sponde della Senna, dove saranno collocate due nuove piazze, mentre ci sarà posto anche per altri giardini, un parco giochi, chioschi e addirittura un nuovo anfiteatro.

L’intervento, che interesserà una superficie pari a 54 ettari e sarà completato durante l’estate del 2023, costerà circa 40 milioni di euro e sarà la prima fase di un piano di riqualificazione della città ancora più ampio, destinato a concludersi entro il 2030.

Immagini © MIR + gustafson porter + bowman

Questo articolo parla di:

Precedente

La qualità delle doghe Déco per l’outdoor di una villa a Perugia

Successivo

La nuova biblioteca di Alfonso Femia a La Spezia

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI
Design

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI

Negli spazi della mostra Gio Ponti. Amare l’architettura, inaugurata lo scorso 27 novembre al MAXXI Museo Nazionale delle...

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...