Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Scritto da Redazione |

21 Ottobre 2019

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che ospita, tra le altre, opere di artisti come Anish Kapoor, Olafur Eliasson, Fernando Botero e Yayoi Kusama.

Oggi però, accanto alla scultura, anche l’architettura diventa protagonista del parco, grazie al blasonato studio BIG – Bjarke Ingels Group che ha creato The Twist, il nuovo ponte-museo sospeso sul fiume Randselva: si tratta di un’infrastruttura necessaria per collegare le due rive boscose del parco capace di porsi allo stesso tempo come un’ulteriore tappa culturale della visita, e non soltanto per via della sua natura museale.

La struttura si configura infatti come una vera e propria scultura sospesa, un ponte che subisce una torsione di 90 gradi a metà del suo percorso e la cui superficie occupa circa 1000 metri quadri totali: il museo presenta così una geometria a doppia curvatura composta da pannelli di alluminio verticali larghi 40 cm che a un certo punto cambiano la loro posizione con un movimento a ventaglio.

Trattandosi di un ponte, entrambi i lati dell’edificio hanno funzione di ingresso, mentre all’interno la torsione si ripete, questa volta con doghe in abete verniciato bianco che rivestono il pavimento, la parete e il soffitto, generando uno sfondo uniforme ma allo stesso tempo contorto per via della sua forma.

Sul lato nord, all’estremità, una parete di vetro a tutta altezza permette ai visitatori una vista panoramica sul paesaggio, per poi disegnare una curva verso l’alto e formare una fascia di lucernario larga 25 cm.

Lo spazio museale, con la luce che passa dalle finestre di vetro ricurvo e aumenta il dinamismo dell’insieme, si articola in tre diverse gallerie; una scala di vetro conduce poi al piano sottostante, dove la parte inferiore in alluminio diventa il soffitto dell’area bagni, ospitata nel seminterrato; infine, un’ultima parete di vetro a tutta larghezza consente ai visitatori di accostarsi ancor più all’acqua del fiume, amplificando una volta per tutte l’esperienza di totale immersione nella natura.

Fotografie di Laurian Ghinitoiu.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Architettura e spirito, la Chiesa del Buon Ladrone a Bologna

Successivo

Il nuovo Ospedale del Sud Salento di Mario Cucinella Architects

Røst, il nuovo ristorante firmato Vudafieri-Saverino Partners a Milano
Architettura

Røst, il nuovo ristorante firmato Vudafieri-Saverino Partners a Milano

Si chiama Røst il nuovo ristorante che porta sulla scena milanese, nel vivace quartiere di Porta Venezia, un concetto di cucina...

PARAMETRIC Terracotta, il laterizio su misura di Terreal Italia per il nuovo Centro di Spelonga
Architettura

PARAMETRIC Terracotta, il laterizio su misura di Terreal Italia per il nuovo Centro di Spelonga

Il nuovo Centro polivalente di Spelonga, situato nei pressi di Arquata del Tronto in Abruzzo e progettato dall’architetto...

Damast, doccia perfetta con un touch grazie al pannello Chronos
Design

Damast, doccia perfetta con un touch grazie al pannello Chronos

La perfezione dell’esperienza doccia? Un obiettivo raggiungibile grazie allo sforzo congiunto di design e tecnologia...