In Giappone l’omaggio ad Angelo Mangiarotti In Giappone l’omaggio ad Angelo Mangiarotti
Architettura

In Giappone l’omaggio ad Angelo Mangiarotti

Scritto da Redazione |

05 Agosto 2019

Inaugura a settembre, presso l’Istituto di Cultura Italiana di Tokyo, Angelo Mangiarotti. La Tettonica dell’Assemblaggio”, la mostra monografica dedicata al lavoro e alla ricerca del maestro Angelo Mangiarotti (1921-2012), giunta alla sesta edizione.

La mostra, prodotta dall’Accademia di architettura di Mendrisio Università della Svizzera italiana e curata da Franz Graf e Francesca Albani, in collaborazione con l’Archivio Mangiarotti di Milano e con la partecipazione di Agapecasa, propone un percorso attraverso alcune delle più significative architetture di Angelo Mangiarotti, designer, architetto e scultore milanese che ha profondamente segnato il panorama culturale del secondo dopoguerra.

Dal 13 al 29 settembre l'obiettivo dell’esposizione sarà mettere in luce l'opera di progettista-costruttore del maestro Mangiarotti, che ha esplorato diverse tematiche – edifici residenziali, luoghi di lavoro, spazi espositivi, tutti qui documentati – con un approccio critico e speculativo, volto alla creazione di un linguaggio architettonico originale e innovativo.

Nell'opera di Mangiarotti, la ricerca di forme sobrie ed elementari, in grado di travalicare le differenze di scala, di funzione e di materiali, accomuna l'architettura e il design industriale, entrambi prodotto di una visione etica rispettosa delle persone e parsimoniosa nell'uso delle risorse.

Protagonisti della mostra, alcuni prodotti icona della Mangiarotti Collection Agapecasa, tra i quali i tavoli in marmo Eros, punto di arrivo di una ricerca sui mobili a incastro privi di giunzioni o serraggi, esposti in diverse forme, dimensioni e finiture; il tavolo Incas, che declina la medesima intuizione costruttiva ma in Pietra Serena, e Clizia, la scultorea e sinuosa seduta realizzata in marmo.

Un’occasione per rendere omaggio, anche in Giappone, ad un grande italiano del Ventesimo secolo.

Questo articolo parla di:

Precedente

Il nuovo headquarter dell’Inter a Milano

Successivo

Il nuovo headquarter dmail firmato Migliore+Servetto Architects

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano
Design

alumina, l’alluminio al centro della capsule DVNE Milano

L’alluminio come materia prima su cui costruire l’essenza di una collezione per la tavola eclettica e sofisticata. È la...