Architettura

L’hotel nella roccia di Kapsimalis Architects a Santorini

Gennaio 28, 2020

scritto da:

L’hotel nella roccia di Kapsimalis Architects a Santorini

Un complesso abbandonato di case e cave sull’incantata isola greca di Santorini trasformato in un hotel dove le camere sono state ricavate proprio sfruttando le nicchie nella roccia a piccola sul mare.

È ambizioso e pieno di fascino il progetto Saint Hotel dello studio greco Kapsimalis Architects: sedici sistemazioni che si aprono su terrazze private con piscine e lounge, separate le une dalle altre da luminose pareti bianche, si aggiungono a ristorante, palestra e spa, accessibili grazie ad una scalinata in cemento che percorre l’intero sito.

L’intervento è stato concepito per entrare in sintonia con il villaggio che lo ospita dal punto di vista architettonico, senza rinunciare tuttavia all’utilizzo di nuovi materiali, texture e colori per ottenere un complesso armonico ma dotato di funzionalità contemporanea.

Molti degli edifici seguono le linee del paesaggio naturale, il colore bianco domina sia all’esterno che all’interno, gli arredi sono estremamente minimali per rendere protagonista la vista spettacolare sul mare, da godere in modo autentico e privato immersi nella favolosa atmosfera greca.

Fotografie di Giorgos Sfakianakis.