Architettura

Le case sull’albero di Peter Pichler sulle Dolomiti

Aprile 4, 2019

scritto da:

Le case sull’albero di Peter Pichler sulle Dolomiti

L’architettura integrata e sostenibile può potenziare la relazione dell’essere umano con la natura e cambiare il futuro del turismo.

Prendendo le mosse da questa consapevolezza, lo studio Peter Pichler Architecture, con base a Milano, ha sviluppato un concept di case sull’albero eco-compatibili nei boschi delle Dolomiti Italiane: i moduli abitativi si configurano come un’aggiunta ad una struttura alberghiera preesistente e mirano a generare un’inedita esperienza da vivere nella foresta, in contatto totale con la natura.

La loro geometria con il tetto affilato e spiovente s’ispira agli alberi di abete e larice circostanti e le case sono realizzate in legno locale; la dimensione delle unità spazia dai 35 ai 45 metri quadri articolati su due livelli: il livello più basso consiste in una piccola area lettura e soggiorno, mentre il livello superiore ospita la zona notte con un piccolo bagno; i due piani sono collegati da una scala interna.

Il progetto è stato concepito per generare una nuova forma di turismo “lento” in cui la natura e l’integrazione dell’architettura in essa giocano un ruolo di primo piano.