Milano Arch Week 2019, l’architettura al centro della riflessione tra uomo, natura e città Milano Arch Week 2019, l’architettura al centro della riflessione tra uomo, natura e città
Architettura

Milano Arch Week 2019, l’architettura al centro della riflessione tra uomo, natura e città

Scritto da Redazione |

16 Maggio 2019

L’architettura come strumento per plasmare il mondo ma anche per leggerne i cambiamenti, interpretando le esigenze della contemporaneità e proponendo soluzioni a lungo termine per offrire nuovi orizzonti alla collettività.

A partire proprio da questa definizione, semplice e complessa al tempo stesso, si svolgerà la prossima Milano Arch Week, la settimana di eventi del palinsesto YesMilano compresa tra martedì 21 e domenica 26 maggio, giornate che verranno dedicate alla riflessione sull’architettura, sulle sfide urbane di oggi e sul futuro delle città.

Foto Gianluca Di Ioia

Promossa da Triennale Milano insieme al Politecnico di Milano e al Comune di Milano, in collaborazione con Fondazione Giangiacomo Feltrinelli e con la direzione artistica di Stefano Boeri, Milano Arch Week 2019 esplora la condizione attuale dell’urbanizzazione planetaria, partendo dalla considerazione che entro il 2050 i due terzi della popolazione mondiale abiteranno in spazi urbani.

La manifestazione, intitolata quest’anno Antropocene e Architettura, indagherà le città come sistema di flussi e reti, di artificio e natura, luoghi resi mutevoli dalla “contemporanea pluralità di soggetti, individui, traiettorie”, come centri di produzione materiale e immateriale.

Stretto sarà inoltre il dialogo con i temi della XXII Triennale di Milano curata da Paola Antonelli: la sostenibilità ambientale, lo sviluppo tecnologico, i fenomeni migratori, le trasformazioni sociali al centro di Broken Nature verranno così messi in relazione con lo spazio urbano e analizzati attraverso una prospettiva urbanistica e architettonica.

Fondamentale a questo proposito il contributo del Politecnico di Milano che, essendo coinvolto direttamente in alcune delle principali azioni di modificazione, trasformazione e rigenerazione urbana, affronterà proprio i temi del futuro della città da un punto di vista progettuale e architettonico, ospitando insieme a Triennale le lecture di grandi architetti internazionali, mentre Fondazione Giangiacomo Feltrinelli ne esplorerà le implicazioni sugli spazi di cittadinanza attraverso il palinsesto di About a City – Rethinking Cities, dal 23 al 26 maggio.

Milano offre così ancora una volta un’occasione da non perdere per approfondire i grandi temi attuali, a partire dal rapporto tra uomo, natura e città, sviluppando una riflessione condivisa giocata sulla sinergia tra i grandi maestri del progetto e la viva partecipazione di tutta la cittadinanza.

Questo articolo parla di:

Precedente

La sala concerti è uno specchio nel deserto

Successivo

Il nuovo Centro Congressi Internazionale di Fuksas a Gerusalemme

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo
Architettura

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo

Lo studio italo-spagnolo Barozzi Veiga ha di recente completato la realizzazione di Tanzhaus Zürich, la nuova scuola di danza...

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana
Design

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana

Tutto il fascino della campagna toscana concentrato in una villa storica sulle colline di Fiesole, a due passi dalla splendida...

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio
Architettura

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio

Immerso nello splendido panorama dell’Isola del Giglio, il design hotel 4 stelle La Guardia è stato di recente...