Progress Profiles per il ristorante Cracco in Galleria Progress Profiles per il ristorante Cracco in Galleria
Architettura

Progress Profiles per il ristorante Cracco in Galleria

Scritto da Redazione |

12 Giugno 2018

Il nuovo Cracco in Galleria, il ristorante dello chef Carlo Cracco aperto pochi mesi fa in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, non è soltanto un tempio di arte culinaria ma anche un fulgido esempio di equilibrio tra restauro e design: il progetto dello spazio multipiano è infatti nato dalla volontà di creare una combinazione armoniosa tra tradizione e innovazione, portando all’interno del locale uno stile retrò, mite e raffinato, proprio del Salotto di Milano di fine Ottocento.

Questo senso di appartenenza alla città si riflette perciò nella scelta accurata degli arredi, dei colori e dei materiali utilizzati, con una particolare attenzione alle finiture preziose, essenziali per dare un tocco di eleganza agli ambienti.

Per assicurare questa perfezione estetica nelle finiture e nella posa dei rivestimenti e pavimenti sono stati selezionati diversi prodotti dell’azienda veneta Progress Profiles: grazie a queste forniture, infatti, se le membrane e i sistemi di posa non sono ora più visibili, i profili sono estremamente funzionali in tutte e tre le cucine (bistrò, ristorante e pasticceria) mentre nei servizi al piano terra e al primo piano donano armonia e raffinatezza. 

Nella realizzazione delle pavimentazioni sono stati impiegati Prodeso Membrane e Proleveling System: il primo è una speciale membrana desolidarizzante che permette una posa delle piastrelle senza tagli e senza giunti nel supporto, riducendo drasticamente i tempi di cantiere; mentre Proleveling System è un sistema rivoluzionario che assicura pavimentazioni perfette con un’assoluta planarità senza dislivelli, insostituibile per la posa dei rivestimenti nelle cucine e nei bagni.

In ogni cucina troviamo Proshell e Prointer in acciaio inox satinato, profili di sguscia concava ideali per garantire la pulizia e l’igiene, idonei al contatto con prodotti alimentari; inoltre, per proteggere gli angoli esterni dei rivestimenti sono stati posati i profili Projolly, Projolly Quart e il profilo a forma di “L” Proterminal, entrambi in acciaio.

Nelle sale l’ottone naturale delle finiture fa da padrone e aggiunge eleganza agli ambienti: Procarpet consente di raccordare in modo continuo e senza gradini la moquette alla pavimentazione, anche di diverso spessore, proteggendone i bordi, mentre Proterminal separa e protegge pavimenti diversi con un tocco dorato.

Questa speciale atmosfera teatrale di armonia ed eleganza prova che finiture di qualità possono donare equilibrio e fascino ricercato agli ambienti, senza rinunciare alla funzionalità e alla sicurezza dei materiali: tutte caratteristiche di Progress Profiles, da sempre un’autentica garanzia.

Questo articolo parla di:

Precedente

Club Made in Italy, a Milano va in scena il business Italia-Cina

Successivo

Biennale Architettura 2018, Matrix4Design incontra Marco Piva

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels
Architettura

L’hotel nomade di Ora Ito per AccorHotels

Nell’era delle grandi migrazioni anche l’hotel diventa nomade.  Si chiama Flying Nest l’ultimo visionario...

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem
Design

Tra cemento e tessuto, Ragno presenta TexCem

La forza materica del cemento unita alla raffinatezza della trama tessile: si chiama TexCem il nuovo rivestimento Ragno che...

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna
Architettura

Lumen Museum, un nuovo spazio dedicato alla fotografia di montagna

Siete amanti di montagna e fotografia? Il nuovo Lumen Museum è il posto perfetto per voi.  Il museo, progettato...