Terreal Italia, i mattoni SanMarco protagonisti delle Garden Villas di Matteo Thun Terreal Italia, i mattoni SanMarco protagonisti delle Garden Villas di Matteo Thun
Architettura

Terreal Italia, i mattoni SanMarco protagonisti delle Garden Villas di Matteo Thun

Scritto da Redazione |

22 Maggio 2019

Siete pronti per le vacanze estive? Marina di Venezia vi aspetta.

Proprio di fronte alla città di Venezia lo studio Matteo Thun & Partners ha infatti firmato il Masterplan per 6.400 m2 del rinomato campeggio Marina di Venezia: un gruppo di 32 piccole case a patio, chiamate "Garden Villas", che offre un'interpretazione contemporanea di bungalow da campeggio tra comfort e contatto con la natura.

Il progetto nel suo complesso è stato ispirato dalla presenza di un numero considerevole di alberi di pino: il desiderio di salvare il maggior numero possibile di questi ha determinato sia la disposizione generale dell'architettura botanica che la planimetria delle ville.

La revisione dell'area commerciale del campeggio viene poi dai tradizionali mercati coperti, in cui i singoli padiglioni interagiscono sotto lo stesso tetto in modo organizzato e permeabile: i pini marittimi sono al centro dell'attenzione con le unità di vendita al dettaglio ad un piano, che prendono forma attorno a loro e creano una varietà di cortili interni, piazze e aree verdi, mentre il design è stato guidato dall'architettura botanica, dalla sostenibilità, dalla funzionalità e dall'economicità.

Per quel che riguarda l’uso dei materiali, poi, protagonista oltre al legno è la terracotta Terreal Italia che, grazie all’esperienza e alla ricerca del suo brand SanMarco, ha portato all’elaborazione di una tonalità calda e delicata per il mattone utilizzato come materia prima negli edifici del Listòn.

Un colore grigio chiarissimo, che riprende i toni dell’argilla naturale della pianura, dalle sfumature riconoscibili e che rendono i pezzi l’uno diverso dall’altro; inoltre, la finitura Vivo senza sabbia lascia che le tonalità si rendano visibili in maniera forte senza sabbie che ne modifichino la percezione.

Uno stesso mattone viene così usato in fabbricati diversi in due modalità totalmente differenti: in alcuni punti in maniera pulita e asciutta, a creare un forte gioco di luci e ombre con l’applicazione di testa su livelli diversi, in un gioco tridimensionale, con applicazione su pannello prefabbricato; in altre parti svelato appena dall’uso di una scialbatura di malta di calce chiarissima, a richiamare murature di altri tempi e a contrastare con le linee pulite dei fabbricati e delle vetrate commerciali.

Versatilità ed efficienza confermano dunque la qualità della terracotta Terreal Italia, scelta da un architetto celebre come Matteo Thun per arricchire un progetto destinato a celebrare la natura e la sua bellezza.

Fotografie di Andrea Garuti.

Questo articolo parla di:

Precedente

Lightmorphing, la prima personale di Migliore+Servetto Architects a Seoul

Successivo

Architetti e Personal Branding, Gianluca Lo Stimolo svela le strategie giuste per emergere

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...