Architettura

Varesina 204, il nuovo progetto di Giuseppe Tortato Architetti nel Certosa District

Giugno 20, 2022

scritto da:

Varesina 204, il nuovo progetto di Giuseppe Tortato Architetti nel Certosa District

 

Dopo 10 anni da La Forgiatura lo studio Giuseppe Tortato Architetti torna nel Certosa District per occuparsi della realizzazione di Varesina 204, commissionata da RealStep SICAF.

La Varesina 204

Varesina 204 nasce non solo per rigenerare un singolo edificio ma tutto lo spazio urbano che lo circonda. Per questo il progetto prevede anche una piazza commerciale, situata al piano terra, favorendo così la continuità tra l’edificio e il quartiere.

varesina 204

Il nuovo sviluppo prevede, dunque, la rigenerazione del grande capannone centrale caratterizzato dal ritmo delle volte a botte esistenti in copertura, per un totale di oltre 6.000 mq di superficie, inserendo tre grandi patii sistemati a verde che portano la luce naturale all’interno degli spazi e aumentano gli affacci verso l’esterno, rendendo gli ambienti di lavoro dinamici e godibili in ogni situazione.

Verso via Varesina è prevista la realizzazione di un nuovo edificio che riprende il profilo delle “botti” esistenti, creando una nuova piazza interna che si apre alla città ed è caratterizzata dalla presenza su due lati di un porticato ricoperto di verde e dal ritmo creato dai balconi aggettanti che rimandano alle volte aggettanti della nuova copertura.

varesina 204

Il corpo di fabbrica affacciato su Via Varesina, che racchiude la piazza verso la pubblica via, richiama il ritmo verticale dell’edificio residenziale adiacente tramite l’utilizzo, opportunamente scandito, di fasce verticali in cemento color grigio chiaro antismog.

Infine i locali tecnici sono stati distribuiti sapientemente all’interno dell’area e saranno caratterizzati dalla presenza di camini di areazione (carbon free) rivestiti esternamente in lamiera metallica pre-verniciata di colore blu scuro: un ulteriore segno del passato che rivive in chiave contemporanea.

In ultimo, non manca anche un’anima green che va dalla certificazione LEED all’impiego di materiali di riciclo fino agli spazi riservati per le auto elettriche con le apposite colonnine di ricarica.