Architettura

Villa Pelícanos, MAIN OFFICE ridisegna le tradizionali ville messicane

Dicembre 21, 2020
Avatar

scritto da:

Villa Pelícanos, MAIN OFFICE ridisegna le tradizionali ville messicane

 

Villa Pelícanos nasce come un complesso residenziale risalente agli anni ’80, immerso nel paesaggio tropicale della costa occidentale del Messico.

Lo studio MAIN OFFICE, con sede in Messico e in Svezia, ha recentemente ampliato e fatto rivivere questa struttura situata nella città balneare di Sayulita, oggi composta da una serie di abitazioni individuali simili a padiglioni che scendono lungo un pendio che si affaccia sull’Oceano Pacifico.

Immerso nella giungla, il nuovo complesso turistico Villa Pelícanos, circondato da una vegetazione lussureggiante e dotato di una spiaggia privata, ospita fino a 20 ospiti e ricrea l’atmosfera di un ritiro yoga.

Gli architetti hanno disegnato otto ville e un’area comune in cima alla collina che comprende una cucina in comune, una sala da pranzo e una piscina, conservando i riferimenti all’estetica africana, che riflettono l’eredità del precedente proprietario del resort, originario del Sud Africa; di conseguenza, il progetto combina in modo eclettico elementi messicani e un’atmosfera africana.

Pur conservando esternamente l’atmosfera originale e i tetti palapa, gli architetti hanno cercato di creare interni che risolvessero le problematiche della struttura originaria dovute all’esposizione diretta al sole tropicale e alla brezza dell’oceano, con l’impatto minore possibile sull’ambiente.

I materiali utilizzati per il restauro sono tutti provenienti da risorse locali.

Per gli elementi interni caldi come i divisori delle stanze, le ante degli armadi e i mobili, interamente progettati da MAIN OFFICE, gli architetti hanno scelto il legno indigeno Parota, resistente all’umidità e alla salinità; le pareti interne, un tempo colorate, sono volutamente dipinte di bianco, a complemento delle componenti interne e fungono da sfondo neutro che non toglie nulla alla vista.

I nuovi elementi fissi, tra cui i telai dei letti, i lavandini e le vasche da bagno, sono realizzati in calcestruzzo gettato in opera, che si fonde con il caldo tocco del legno Parota locale, creando un ambiente insolito, sia rustico che accogliente.

I serramenti originali in legno sono stati restaurati e riqualificati, quindi accostati ad un nuovo pavimento in terrazzo e trasformati in semplici spazi interstiziali che ampliano gli interni lasciando entrare la giungla.

I nuovi interventi spaziali nelle ville celebrano il contesto naturale del sito: una doccia esterna definita da pietre che creano un muro appartato si apre verso il cielo e le cime degli alberi, una vasca da bagno esterna in cemento gettato in opera che si affaccia sull’Oceano Pacifico permette agli ospiti di immergersi nella natura; ancora, docce e terrazze esterne più piccole interagiscono con lo scenario della giungla e con l’orizzonte marino.

Elemento centrale, situato in fondo al pendio, è la piattaforma per lo yoga che assume la forma di un perfetto semicerchio, incastonato tra le rive boscose: il muro di sostegno costruito ad hoc in pietra locale si sposa al pavimento realizzato in resistente legno Cumaru e, adiacenti alla piattaforma, le fioriere in pietra ospitano un maestoso albero di Papelillo che incornicia una vista idilliaca sull’Oceano Pacifico, contribuendo a creare il luogo perfetto per fare esercizio e godere del potere terapeutico e rilassante della natura.