Cersaie 2018, stile lineare per la nuova Sirio di Arblu Cersaie 2018, stile lineare per la nuova Sirio di Arblu
Design

Cersaie 2018, stile lineare per la nuova Sirio di Arblu

Scritto da Redazione |

20 Settembre 2018

Si chiama Sirio il sistema di chiusure doccia che Arblu, azienda specializzata nella produzione di box doccia dal 1996, presenta in occasione del Cersaie di Bologna, il Salone Internazionale della Ceramica per l’Architettura e l’Arredo bagno in programma dal 24 al 28 settembre. 

Lo stile lineare e minimalista di Sirio si esprime alla perfezione nelle pareti in cristallo temperato dallo spessore di 6 mm, nelle tecnologie funzionali, nel design essenziale dei profili di ridotte dimensioni, che sono disponibili in alluminio nelle finiture argento lucido e nella nuova proposta Alublack (alluminio anodizzato ossidato). 

Le ante scorrevoli sono inoltre dotate di un efficace meccanismo magnetico per una chiusura e un’apertura sempre perfette e agevoli, mentre risulta ampia la possibilità di personalizzazione del vetro temperato: dalla classica versione trasparente a quella piumata, con serigrafia a fascia o satinato.

Da scoprire a Cersaie.

Questo articolo parla di:

Precedente

Cersaie 2018, lo stile industrial di duka per la nuova libero 3000

Successivo

La nuova cucina di Sanwa Company e Alessandro Mendini

NO.MADE, la micro-casa per location scenografiche
Architettura

NO.MADE, la micro-casa per location scenografiche

Luxury Mobile Home, un nuovo concept per l’abitare nomade. Presentato recentemente alla Milano Design Week, NO.MADE è il...

DVO, il design dell’ufficio ha un nuovo stile
Design

DVO, il design dell’ufficio ha un nuovo stile

Una soluzione funzionale e versatile per l’ufficio. Al Salone del Mobile 2019 DVO ha presentato DV504-Milo, progettato da...

Maledetto Design, un libro racconta storia e contraddizioni delle grandi icone
Design

Maledetto Design, un libro racconta storia e contraddizioni delle grandi icone

Che cosa significa “design”? Che cosa distingue ciò che viene definito “design” da ciò che non lo è? A quali oggetti...