Domovari-Regia, l’innovazione di forma e materia in mostra a Cersaie Domovari-Regia, l’innovazione di forma e materia in mostra a Cersaie
Design

Domovari-Regia, l’innovazione di forma e materia in mostra a Cersaie

Scritto da Redazione |

20 Settembre 2019

Due mondi separati ma uniti dalla medesima passione per la qualità fondono le proprie energie per offrire un prodotto ancora più esclusivo, innovativo e performante. È questa la storia di Domovari e Regia: la prima, azienda tedesca che da oltre vent’anni produce complementi per il bagno esclusivi e su misura, ha acquisito e rilanciato la seconda, storica realtà italiana sinonimo di design e competenza anch’essa leader nel settore bagno.

In occasione di Cersaie 2019, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno, Domovari e Regia si presentano compatte per proporre una serie di prodotti dal carattere inconfondibile, pensati per chi cerca soluzioni di lusso pratiche e funzionali, realizzate con materiali resistenti e performanti.

Rispecchiano pienamente questo identikit le linee Ruben e Ruben Quadro (disegnate da Bruna Rapisardo) grazie al design pregiato e all’eleganza senza tempo del materiale in cui sono realizzate, il Mineral Matt; sui 5 supporti di differenti dimensioni si possono combinare a piacere dispenser, vaschette portasapone e bicchieri, mentre a completare la linea ci sono anche diversi portarotolo.

D’altro canto, la nuova collezione Tandem, firmata dallo studio di design Carl-W. Engelmann, si contraddistingue per geometrie lineari dai contorni morbidi: realizzata anch’essa completamente in Mineral Matt, presenta dei dettagli in rovere massiccio che ne risaltano l’eleganza, spezzando la semplice e fredda linea del materiale viene con il tono naturale del legno.

Moderni e pieni di stile sono poi gli accessori Metropolitan (anch’essi firmati da Bruna Rapisardo), serie precorritrice dello stile minimal tra le prime che hanno rinunciato alla classica "borchia" coprivite a muro: colta reinterpretazione del design razionalista, di cui conserva l’essenzialità del segno, la collezione è realizzata in Vetroghiaccio e si caratterizza per forme semplici e pacate. 

Frutto di un’incessante ricerca materica, il Vetroghiaccio, impiegato per accessori, lavabi e lavabi freestanding, è un materiale omogeneo e di alta qualità inventato da Regia, presente da oltre vent’anni sul mercato (dove è stato più volte ripreso dalla concorrenza) e oggi prodotto con resine tecniche e pigmenti nello stabilimento di Krefeld: trasparente e colorato, ha una sensazione piacevole al tatto e una lucentezza sorprendente, grazie anche alle sue eccellenti proprietà meccaniche e chimiche che lo rendono perfetto per l'uso nella sala da bagno; in più, ogni singolo pezzo in Vetroghiaccio è da ritenersi unico, perché lavorato interamente a mano.

Infine, tra le novità in mostra a Cersaie, si segnala il rilancio dell’iconica linea Bilbao di Regia, oggi profondamente rinnovata come dimostra la sua evoluzione nella nuova Bilbao 2.0.

Una grande occasione, quella della kermesse bolognese, che permette all’azienda di aprirsi finalmente ad un ampio mercato internazionale, forte della propria consolidata esperienza nella produzione di arredi d’alta gamma, risultato dell’incontro di due professionalità eccellenti, quella italiana e quella tedesca.

Questo articolo parla di:

Precedente

Petracer’s, 40 anni di lusso ed eleganza a Cersaie 2019

Successivo

Le nuove linee Tognana per la tavola d’autunno

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux
Design

Megius, l’eleganza discreta del nuovo Separè Lux

È pensata per portare un tocco di sofisticata eleganza tanto negli hotel più raffinati quanto nei contesti residenziali...

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso
Architettura

Superare il sisma, il nuovo Edificio Polifunzionale sul Gran Sasso

Ricucire le ferite ancora aperte dopo il dramma del terremoto del Centro Italia nel 2016 attraverso una progettazione...

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos
Design

La lampada Clochef di Massimo Iosa Ghini per Leucos

Si chiama Clochef la lampada a sospensione disegnata da Massimo Iosa Ghini per Leucos che si è recentemente aggiudicata il Good...