Famous Bathrooms, a Cersaie i bagni d’autore celebrano lo stile italiano Famous Bathrooms, a Cersaie i bagni d’autore celebrano lo stile italiano
Design

Famous Bathrooms, a Cersaie i bagni d’autore celebrano lo stile italiano

Scritto da Redazione |

14 Giugno 2019

Maria Callas, Andy Warhol, Coco Chanel, Le Corbusier: figure diventate icona, volti riconosciuti come protagonisti della cultura comune in virtù della capacità che hanno avuto di lasciare un segno indelebile nell’immaginario collettivo.

Della loro storia e delle loro abitudini crediamo ormai di sapere più o meno tutto. Ma qualcuno si è mai chiesto che aspetto avessero le loro sale da bagno?

Quest’anno, in occasione di Cersaie 2019 (a Bologna dal 23 al 27 settembre), Angelo Dall’Aglio e Davide Vercelli hanno scelto di indagare la vita e lo stile dei grandi personaggi puntando i riflettori sul loro spazio più privato: Famous Bathrooms è dunque il titolo della mostra tematica che verrà allestita all’interno del Padiglione 30 della Fiera, proponendo quest’anno un modello espositivo inedito, a metà tra la galleria d’arte - per cui ogni set avrà pochi pezzi selezionati e ben esibiti - e la classica impostazione fieristica, in quanto da quest’anno ad ogni azienda verrà destinato uno spazio autonomo, ben riconoscibile e personalizzato con il proprio logo.  

Come anticipato, il focus di Famous Bathrooms sarà sulla libera interpretazione di ambienti bagno ispirati alle figure che si sono distinte in vari ambiti (arte, cultura, scienze, musica, cinema, moda…) dalla classicità a oggi, partendo dal presupposto che la stanza da bagno sia il regno del benessere, da arredare e personalizzare, oltre che l’ambiente più vicino ai settori merceologici di Cersaie.

Il risultato sarà ironico e dissacrante, con tante proposte da cui lasciarsi ispirare grazie alla presenza delle aziende e dei loro prodotti di alto design, di qualità e senza tempo: ogni allestimento sarà un racconto emozionante pensato per esaltare le eccellenze innovative dell’Italian Style, mentre nell’area centrale si troverà uno spazio dedicato ai talk in programma e una zona lounge dove si terranno incontri, dibattiti, premiazioni e degustazioni di vini.

Inoltre, la mostra, realizzata in media partnership con Matrix4Design, verrà inaugurata dal critico d’arte e intellettuale Philippe Daverio e rinnoverà anche quest’anno la collaborazione con la Bologna Design Week, per cui in centro città, nel Quadrivio di Galleria Cavour, sarà presente un "portale" che richiamerà l’esposizione in fiera.

Un’occasione per promuovere una selezione di aziende di elevato profilo, presentarle ad un pubblico internazionale e soprattutto un’opportunità per esplorare il meglio dello stile italiano, giocando con le grandi icone che hanno fatto la storia della creatività.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Oblomow by Clan Milano, una celebrazione della convivialità

Successivo

Cuckooz Nest, lo spazio per genitori e figli sceglie Arper

LinkNow, il primo coworking all’interno di un centro commerciale
Architettura

LinkNow, il primo coworking all’interno di un centro commerciale

Un coworking all’interno di un centro commerciale: utopia? No, una realtà concretizzatasi di recente nel progetto...

Lume, la lucida imperfezione della nuova linea Marazzi
Design

Lume, la lucida imperfezione della nuova linea Marazzi

Mattoncini maiolicati fatti a mano, densi di smalto, lucidissimi e dalla bellezza imperfetta: si chiama Lume la nuova...

Tee, la lampada da tavolo senza fili di Marc Sadler per OLEV
Design

Tee, la lampada da tavolo senza fili di Marc Sadler per OLEV

Illuminazione senza fili. Tee è la nuova lampada da tavolo wireless a batteria ricaricabile progettata da Marc Sadler per...