Le nuove linee Tognana per la tavola d’autunno Le nuove linee Tognana per la tavola d’autunno
Design

Le nuove linee Tognana per la tavola d’autunno

Scritto da Redazione |

20 Settembre 2019

Autunno. Quale stagione migliore per riscoprire la voglia di vivere la casa, creando spazi di calore e condivisione all’interno della nostra vita quotidiana?

Con l’obiettivo di esaltare al meglio questo dolce periodo dell’anno Tognana, azienda trevigiana leader nella produzione di porcellane per la tavola, pentole e home decoration, propone una collezione autunno/inverno che lascia spazio ai colori caldi, tra oggetti e decori che richiamano i frutti e il tipico foliage di stagione.

La casa diventa così ancora più calda e personalizzata, grazie all’ampliamento della gamma Tognana con nuove linee dagli stili differenti, che seguono tutte le ultime tendenze del tableware.

 

Il servizio piatti della linea Gea è, per esempio, una delle proposte più originali per la mise en place autunnale: composto da 18 pezzi in pregiata porcellana, caratterizzati da divertenti decori declinati in tonalità calde, Gea permette di creare innumerevoli combinazioni a tavola, per un perfetto mix&match.

Non sarà difficile divertirsi e stimolare la creatività nemmeno con la linea Corinne, che permette di mixare sei nuance diverse creando una palette sempre nuova in tavola; il servizio piatti è realizzato in ceramica stoneware pepata ed è dipinto a mano, a conferma dell’attenzione di Tognana per i dettagli.

Per creare invece una mise en place dal tocco romantico, riproponendo tutto il calore di una cena in uno chalet, ecco la linea Gaia, caratterizzata da nuance tenui sui toni dell’azzurro e decori ispirati ai boschi autunnali: realizzata in porcellana, Gaia comprende il servizio tavola da 18 pezzi e il set colazione e tutte le componenti sono decorate con tecnica full printed, mentre i piatti fondi monocromatici sono dipinti a mano.

Con la linea tavola Biancospino, realizzata in porcellana, Tognana interpreta poi lo stile country chic con colori e accenti freschi, accostati a decori ispirati al foliage autunnale: al servizio tavola da 18 pezzi si aggiunge il set colazione, composto da tazze caffè, tè, mug e infusiera.

Ancora, per coloro che amano stupire con originalità ospiti e familiari arriva la linea Savannah, in porcellana in stile animalier per una tavola grintosa e d’impatto: la collezione include il set di tazzine da caffè e le tovagliette nello stesso stile.

La selezione autunno/inverno firmata Tognana comprende inoltre la linea di piattini da portata e ciotole Zenia, particolarmente riconoscibili per la forma ispirata alle foglie autunnali: realizzata in pregiata porcellana, Zenia è decorata con la tecnica reactive colors, con la quale gli smalti reagiscono al calore, creando pezzi dalle sfumature uniche; a questo proposito, per completare la mise en place “natural look”, ci sono anche le posate in acciaio della linea Wood e le tovagliette dal raffinato effetto legno.

Infine, per una tavola caleidoscopica, l’azienda propone il set di bicchieri in vetro Gemma, caratterizzato da riflessi e trasparenze colorate. Quest’anno l’autunno avrà tutto un altro sapore.

Questo articolo parla di:

Precedente

Domovari-Regia, l’innovazione di forma e materia in mostra a Cersaie

Successivo

Instabilelab, non il solito bagno

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che...

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019
Design

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019

All’ultima edizione del Salone del Mobile.Milano Moscow c’è stato spazio anche per la Russia dei giovani designer, che...

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità
Design

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità

50 anni di Sacco: l’icona pop e anticonformista firmata Zanotta, simbolo della trasformazione culturale del ’68, non...