Design

Lea Ceramiche, superfici d’impatto per la sede di BGI Etiopia ad Addis Abeba

Aprile 12, 2021
Avatar

scritto da:

Lea Ceramiche, superfici d’impatto per la sede di BGI Etiopia ad Addis Abeba

 

Di recente, lo studio di architettura romano WestWay Architects si è occupato del progetto della nuova sede di BGI Etiopia, uno dei maggiori produttori di birra appartenente al Gruppo francese Castel, situata accanto agli stabilimenti nel centro di Addis Abeba.

Per dare vita ad un edificio rappresentativo del ruolo dell’azienda nell’economia etiope, in dialogo con il paesaggio urbano e naturale, gli architetti hanno innanzitutto studiato la facciata in modo che ricordasse un grande boccale di birra.

Inoltre, l’edificio pare schiudersi sulla città con una serie di aperture progettate per assicurare il benessere dei dipendenti, articolandosi su otto piani con un nucleo centrale e due ali laterali.

Con lo scopo di coniugare due differenti culture edilizie, la struttura costruttiva tradizionale etiope – nucleo in cemento armato e blocchi di calcestruzzo cavi e dalle prestazioni termiche mediocri – è stata affiancata dalla facciata ventilata rivestita dalle superfici Slimtech di Lea Ceramiche, dello spessore di 3,5 mm, per un totale di 5500 metri quadri.

In questo modo, il grès porcellanato sottile che avvolge l’edificio in alcuni punti rientra all’interno, trasformandosi nel rivestimento delle zone comuni e rappresentando un elemento di continuità tra esterno e interno.

Slimtech comprende lastre di dimensioni record (100×300cm e 120×260cm) caratterizzate da una straordinaria leggerezza grazie a uno spessore ridotto, frutto di una che rivoluziona il processo produttivo tradizionale per soluzioni resistenti e flessibili.

Lea Ceramiche interviene anche all’interno dell’edifico, con pavimenti e rivestimenti che esprimono al massimo le caratteristiche di resistenza, estetica e inalterabilità dei prodotti del brand, tra cui la tecnologia antibatterica Protect® che protegge le superfici 24h24 abbattendo sino al 99,9% dei batteri.

La salubrità era in effetti uno dei requisiti fondamentali richiesti per l’edificio: utilizzare il materiale ceramico in tutte le forme e in tutte le finiture nei pavimenti, così come nelle reception o nei luoghi di transito dell’edificio, è stata la soluzione proposta da WestWay Architects per BGI Etiopia. Inutile aggiungere che ha funzionato.