Louise, il nuovo letto tra classico e moderno Louise, il nuovo letto tra classico e moderno
Design

Louise, il nuovo letto tra classico e moderno

Scritto da Redazione |

19 Luglio 2019

Raffinata, versatile, confortevole. Si chiama Louise la nuova collezione notte proposta da Bontempi Casa Letti Design (marchio storico del Made in Italy oggi proprietà di Noctis) e pensata per interpretare un linguaggio al tempo stesso classico e moderno, ideale per ogni tipologia di stile e ambiente.

La linea si caratterizza per le linee pulite ed eleganti, esaltate dal morbido movimento della testata delicatamente inclinata; la struttura in legno imbottita, totalmente sfoderabile e lavabile, può essere rivestita in tessutopelle e pelle ecologica. 

 

Molto ampia è inoltre la palette cromatica che spazia dalle tonalità neutre ai colori più di tendenza: le versioni in tessuto sono disponibili in tinta unita o con finiture laterali a contrasto, proposte in quattro raffinati abbinamenti bicolore.

Inoltre, per completare il design del letto Louise è possibile scegliere tra diversi piedi extra disponibili: in legno altezza 15 cm nelle finiture grigio, natural, bianco e wengè, in metallo altezza 15 cm in finitura cromo e bianco, nella conformazione a tubo piegato, altezza 11 cm, nelle varianti cromo, bianco, grigio, nero e in tutte le colorazioni Pantone®, fino all’esclusiva proposta in plexiglas altezza 11 cm.

I letti appartenenti alla collezione Louise sono disponibili in 8 larghezze - King (193), 180, 160, Queen (153), 140, 120, Twin (100) e 90 cm, in versione fisso oppure con contenitore Folding Box®: sistema ideato e brevettato da Noctis, che consiste in un pannello di fondo, posto all’interno del box salvaspazio, ripiegabile senza alcun sforzo che rende estremamente facile l’accesso al pavimento sotto il letto, per pulirlo comodamente, senza dover spostare o sollevare la struttura.

Il sistema Folding Box® prevede anche una versione Automatic, grazie alla quale aprire il box salvaspazio con le mani impegnate non è più un problema. Basta un lieve movimento del piede al centro della pediera per azionare un sensore in grado di aprire il vano contenitore in modo totalmente automatico; per richiuderlo è sufficiente, poi, sfiorare nuovamente il sensore evitando così chiusure automatiche accidentali.

Per una camera letteralmente da sogno.

Questo articolo parla di:

Precedente

Terratinta Group acquisisce il quarto marchio Micro

Successivo

Kronos di Arredo3, sei composizioni per la cucina contemporanea

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI
Design

Marazzi, la piastrella quattro volte curva di Gio Ponti in mostra al MAXXI

Negli spazi della mostra Gio Ponti. Amare l’architettura, inaugurata lo scorso 27 novembre al MAXXI Museo Nazionale delle...

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture
Design

Materia, i contenitori LAGO puntano sulle texture

Materia, un nome che chiarisce fin da subito la vocazione di un oggetto in cui ad essere i protagonisti assoluti sono i materiali e...

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti
Architettura

G House, l’eterea linearità di una casa tra i monti

Pulita, semplice e rilassante. Con questi tre aggettivi l’architetto italiano Alfredo Vanotti descrive il suo progetto G...