SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius
Design

SIA Hospitality Design 2019, Matrix4Design incontra Megius

Scritto da Giulia Guerra |

23 Ottobre 2019

La vocazione alla qualità del prodotto e al benessere della persona è da sempre il tratto distintivo di Megius, marchio di riferimento per la realizzazione di docce, saune e hammam in puro stile italiano. Il design elegante e la ricerca costante di soluzioni innovative, in sintonia con l’evoluzione del gusto e delle necessità del cliente, sono i principali motori di crescita dell’azienda, che ha infatti colto l’occasione del SIA Hospitality Design 2019 (la fiera dedicata all’hotellerie appena svoltasi a Rimini) per presentare al pubblico alcune importanti novità. Ne abbiamo parlato con il Responsabile Marketing Andrea Lanza, tra anticipazioni sui prodotti più nuovi e ambizioni per il futuro.

Quali sono le proposte su cui Megius ha scelto di puntare a SIA Hospitality Design 2019?

A SIA Hospitality Design qui a Rimini presentiamo molte proposte destinate all’offerta alberghiera e in particolare relative al mondo delle Suite Spa. Ci sono infatti diversi filoni di gestione del wellness nelle strutture alberghiere: alcuni propendono per una spa unica di grande superficie destinata a tutta a struttura mentre altri preferiscono disporre di alcune stanze adibite a Suite Spa, diversificando così la loro offerta di camere. Questo perché non tutti gli ospiti hanno il desiderio o anche la disponibilità economica per frequentare la zona wellness condivisa di un hotel. In Italia, peraltro, si preferisce vivere il wellness singolarmente, in coppia o in piccoli gruppi, a differenza di quel che accade in altre culture. Dunque, Megius, pur essendo in grado di gestire anche spazi ampi attraverso i suoi partner, propone una gamma di Minispa e in generale di soluzioni varie pensate proprio per vivere il wellness nei piccoli spazi. 

È il caso per esempio della sauna Invisible, che viene esposta al SIA come prototipo e sarà lanciata sul mercato in occasione del Salone del Mobile 2020. Il nome è stato scelto per sottolineare la preponderanza del vetro e la riduzione al minimo della parte lignea, il che ci permette di diminuire fino ad eliminare l’eventuale effetto di claustrofobia che potrebbe essere provocato da una sauna in legno di piccole dimensioni. Inoltre, e questa è l’eredità della nostra storia di produttori di box doccia, Invisible è l’unica sauna sul mercato ad accesso con porta scorrevole, e non a battente. Abbiamo poi realizzato una “non-maniglia” costituita da un foro speciale: infatti, per il ricircolo dell’aria, anziché ricorrere ad una feritoia collocata in basso in prossimità della stufa come avviene di solito, abbiamo sfruttato a tale scopo il meccanismo di apertura della porta, creando un elemento di design e funzionale al tempo stesso. D’altro canto, il fatto di avere due vetri scorrevoli e la relativa fessurazione rappresenta un ulteriore strumento atto a favorire la circolazione dell’aria. Sono tutte scelte che testimoniano la grande cura del dettaglio tipica di Megius. Infine, Invisible può essere realizzata in tutte le essenze disponibili per l’ambiente sauna: abete con o senza nodi, hemlock, cedro, tiglio, è personalizzabile come si vuole. Un altro aspetto da sottolineare è costituito dai vetri, che possono essere del tutto trasparenti oppure specchiati, riflettenti, satinati, in base alle esigenze del cliente. Anche in appoggio ad un muro, infine, la parete della sauna rimane in vetro, un vetro verniciato.

Per quanto riguarda invece il settore hammam, bisogna distinguere tra le nostre soluzioni più voluminose che presentano tutte le funzioni riunite in un elemento unico e invece i prodotti dedicati espressamente alla gestione dei piccoli spazi. A questo proposito abbiamo ideato Steam Me, il primo generatore di calore con seduta incorporata presente sul mercato, pensato per gestire sia il bagno turco sia la cromoterapia e dotato addirittura di un doccino per il risciacquo. Anche qui, il prodotto è disponibile in diverse finiture, naturale o colorate, poiché fabbricato con un legno verniciabile.

Voglio poi citare un prodotto già presente nell’assortimento Megius: si tratta di Steam Quadro, un quadro dove tutta la componentistica del bagno turco è racchiusa in una dimensione quadrata e in uno spessore di 10 cm, per ribadire ancora una volta che per ottenere il massimo comfort non servono grandi spazi.

Infine, Megius si sintonizza anche con le tendenze più nuove, per esempio per quello che riguarda l’outdoor: gli architetti, dopo aver progettato tutto il possibile all’interno della casa, si stanno affacciando sempre di più sull’esterno e cercano nuove soluzioni, come innovativi schermi doccia e piatti che garantiscono la raccolta e il deflusso dell’acqua, che noi abbiamo studiato appositamente. Al momento sul mercato non esiste un’azienda oltre a Megius che nel settore bagno per esterni possa fornire distribuzione acqua, raccolta dell’acqua e schermature, cioè schermi di vetro che impediscano all’acqua di colpire altri elementi. Noi proponiamo infatti una doccia outdoor dotata di piatto in acciaio, doga in legno composito (tutti materiali adatti per l’esterno) e con una forma integrata, in modo da posizionare i vetri nella maniera più consona. In più, abbiamo arricchito il nostro catalogo con una nuova minipiscina in acciaio inox con interno sagomato, una soluzione unica adattabile sia agli ambienti indoor sia ai contesti outdoor.

Che cos’è il benessere per Megius?

Il benessere è ciò che ci richiedono i nostri clienti. Noi dobbiamo essere bravi a immaginare quale sarà il nostro cliente del futuro: un interlocutore esigente, che afferisce ai nostri prodotti attraverso diversi canali, che li vuol trovare sia in casa sia fuori casa. Vogliamo continuare ad offrire un prodotto su misura.

Obiettivi per il futuro?

Ovviamente continuare a crescere: Megius è un’azienda che negli ultimi tre anni è cresciuta del 20% ogni anno. Ci stiamo concentrando particolarmente sulla parte wellness perché pensiamo che la sua importanza sarà sempre più centrale nella casa. Inoltre, avendo noi un background di produzione di box doccia per residenze private e hotel, vogliamo continuare a utilizzare e a rielaborare il materiale vetro in questa tipologia di prodotti. Un altro obiettivo è poi, naturalmente, accrescere la nostra offerta di prodotto andando ad intercettare i gusti e le esigenze dei consumatori.

Per chiudere, vorrei sottolineare come le nostre Minispa rispondono all’evoluzione del settore hospitality, oggi sempre più orientato verso nuove forme, come quella degli aparthotel: in casi come questi, i nostri prodotti sono facilmente gestibili e richiedono spazi minimi, perfetti vivere il benessere al massimo grado senza rinunciare alla riservatezza del privato.

Questo articolo parla di:

Precedente

Abimis, la cucina custom-made per Peter Zec a Essen

Successivo

Signature, i nuovi parquet in noce “firmati” Woodco

I coltelli pastello di Natascha Van Reeth
Design

I coltelli pastello di Natascha Van Reeth

Soft come una tavolozza di colori pastello, taglienti come una lama affilata. Gioca sui contrasti l’elegante e minimale...

Creature 2019, a Roma esperimenti d’arte e architettura in laboratori urbani
Architettura

Creature 2019, a Roma esperimenti d’arte e architettura in laboratori urbani

Da tre anni Creature è il festival di creatività urbana ad accesso gratuito ideato e curato da Open City Roma che promuove...

Smart Forest City Cancun, il nuovo progetto di Stefano Boeri in Messico
Architettura

Smart Forest City Cancun, il nuovo progetto di Stefano Boeri in Messico

Si chiama Smart Forest City – Cancun e sarà la prima Città Foresta del nuovo millennio, una “città aperta” e...