Archea Associati progetta lo stadio urbano di Tirana Archea Associati progetta lo stadio urbano di Tirana
Architettura

Archea Associati progetta lo stadio urbano di Tirana

Scritto da Redazione |

20 Dicembre 2019

Progettato dallo studio italiano Archea Associati e inaugurato di recente a Tirana, il nuovo Stadio Nazionale dell’Albania è il risultato di un intervento di sostituzione edilizia, in quanto ubicato nella stessa area dove sorgeva l’originale complesso sportivo dedicato all’atletica e al calcio disegnato alla fine degli anni Trenta dall’architetto fiorentino Gherardo Bosio.

L’edificio, ad eccezione della struttura monumentale di ingresso della tribuna autorità, è stato completamente demolito e ricostruito con l’obiettivo di costruire un impianto di calcio integralmente coperto con annessi servizi, funzioni e attività in grado di far vivere l’edificio tutti i giorni con continuità.

Per rispettare la storia e la tradizione del luogo e poter mantenere lo stadio all’interno dello stesso sedime, ampliandone però la capacità, lo studio fiorentino ha adottato soluzioni progettuali innovative: è stato mantenuto il disegno urbano immaginato dall’architetto romano Armando Brasini e sviluppato dall’architetto razionalista fiorentino Gherardo Bosio e, in continuità con l’intervento di Bosio, Archea Associati ha smontato e ricostruito in modo filologico la facciata monumentale della tribuna autorità, ripristinandola anche come valore e ruolo di elemento di accesso alle aree VIP dello stadio.

Il nuovo stadio si caratterizza per la presenza di tre tribune, invece che quattro, e si presenta come una sorta di teatro classico, in particolare per dare una risposta allo spazio limitato dell’area di progetto; altro elemento distintivo dell’opera è la torre alta 100 metri, dove tra un anno aprirà le porte un hotel della catena Marriott.

Sono poi previsti parcheggi, attività commerciali, spazi per la ristorazione, a completare il mix funzionale, mentre lungo il perimetro, sul fronte urbano, sono distribuiti spazi ad uso direzionale, sale conferenze e palestre; la torre situata a ridosso dello stadio diventa abitabile e non è quindi solo un simbolo, ma certo rende visibile lo stadio a lunga distanza ed è un punto di osservazione sulla città stessa.

Il progetto di Archea Associati tende a generare una spazialità urbana incentrata sull'idea di valorizzazione delle piazze pubbliche che creano nuovi ambiti e possibilità d’uso delle superfici circostanti lo stadio, prima negate alla collettività perché parte integrante dell’impianto sportivo.

Caratteristico anche l’involucro della nuova infrastruttura sportiva, dove si distinguono i colori rosso e nero che richiamano quelli della bandiera nazionale, e tutte le facciate, per una superficie totale di 30.000 metri quadrati, sono circondate da oltre 3.200 colonne/brise-soleil: elementi verticali, alti un piano, realizzati ad hoc e decorati in bassorilievo con un pattern che ricorda il tessuto degli abiti e dei tappeti tradizionali albanesi.

Per quanto riguarda infine la tecnologia costruttiva, si è optato per una soluzione mista, acciaio e calcestruzzo, in modo da minimizzare l’ingombro degli elementi strutturali verticali a vantaggio delle possibilità di utilizzo delle aree commerciali.

Il nuovo stadio di Tirana si configura quindi come un’opera di architettura e di ingegneria completamente Made in Italy, un monumento contemporaneo in grado di valorizzare, attraverso un’infrastruttura dedicata allo sport, l’immagine e il ruolo della capitale albanese.

Images Courtesy of Archea Associati.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

La passione di costruire, Matrix4Design incontra Federico Delrosso

Successivo

The Whale, un edificio per osservare le balene

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite
Design

WallPepper e PEIA Associati, il progetto per le Nazioni Unite

Lo studio di architettura PEIA Associati ha di recente completato il restyling della prestigiosa Sala XIX delle Nazioni Unite a...

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...