Architettura

Backstage, le grandi domande dell’architettura contemporanea in mostra del DAC di Copenhagen

Aprile 16, 2021
Avatar

scritto da:

Backstage, le grandi domande dell’architettura contemporanea in mostra del DAC di Copenhagen

 

Possiamo (ancora) permetterci di vivere in città? Come proteggiamo la biodiversità? Lo spazio urbano è adatto ai ragazzi? C’è attenzione per i più vulnerabili? Le città sono attrezzate per affrontare il cambiamento climatico?

Tenta di rispondere a queste e a molte altre domande la mostra Backstage che inaugurerà il prossimo 21 aprile al Danish Architecture Center (DAC) di Copenhagen per offrire al pubblico uno sguardo unico su ciò che accade dietro le quinte quando gli architetti e gli urbanisti immaginano gli spazi urbani e gli edifici che formano la struttura delle nostre vite.

© Rasmus Hjortshoj

La mostra esamina le forze che guidano lo sviluppo creativo, gli errori che gli architetti inevitabilmente commettono lungo la strada, e come possiamo correggerli; ha la forma di un affascinante palcoscenico teatrale, con diversi set, scene e storie che possono essere viste indipendentemente, ma che insieme formano un racconto organico.

© Rasmus Hjortshoj

Le sezioni principali sono cinque: propongono illustri casi di progetti danesi, modelli architettonici, fotografie, installazioni 1:1, filmati ed elementi interattivi; inoltre, ad essere protagonisti sono celebri studi di architettura danesi e architetti innovativi come Jørn Utzon, Dorthe Mandrup e Bjarke Ingels, ognuno dei quali ha contribuito a riscrivere le regole del gioco architettonico e ha aggiunto il proprio tocco alle esperienze proposte in mostra.

© Rasmus Hjortshoj

La mostra Backstage sarà aperta ai visitatori fino al 3 ottobre 2021 presso il Danish Architecture Center (DAC) di Copenhagen, il quale patrocinerà anche Un (architetto) italiano a… Copenhagen, il terzo appuntamento del ciclo di tour virtuali curato da Laura Ragazzola per Matrix4Design che avrà come ospite l’architetto associato Enea Michelesio dello studio danese BIG (Bjarke Ingels Group).

Non mancate!