Architettura

Bivacco Edoardo Camardella, la terrazza sulle Alpi dedicata al giovane alpinista

Gennaio 12, 2022

scritto da:

Bivacco Edoardo Camardella, la terrazza sulle Alpi dedicata al giovane alpinista

 

Fortemente voluto da Massimo Roj, architetto e amministratore delegato di Progetto CMR, è stato inaugurato di recente il primo bivacco del Comune di La Thuile, dedicato a Edoardo Camardella, giovane alpinista e maestro di sci, travolto con il suo amico Luca Martini da una valanga sul Monte Bianco il 30 novembre del 2019.

La struttura è stata realizzata sul ghiacciaio del Rutor, a 3.360 metri di altezza, ed è pensata per essere trasportata agevolmente con l’elicottero e assemblata rapidamente. Possiede inoltre un’ampia parete vetrata che guarda in direzione del Monte Bianco, da ammirare anche mediante una webcam a 360 gradi montata sulla stazione meteo realizzata anch’essa ex novo; la più alta delle Alpi Graie e una delle più alte d’Europa.

Il bivacco si contraddistingue per l’impianto leggero e resistente, prodotto in fabbrica ed energeticamente autonomo e si configura come un progetto avanzato sotto tutti i punti di vista, reso possibile dalla collaborazione di una serie di partner tecnici: Faces Engineering, Politecnico di Milano, Società Gualini – Gruppo COSTIM, Barailler Edilizia, Concreta.

Tra i materiali e i sistemi forniti dalle aziende sostenitrici: i sistemi di involucro in alluminio Prefa, i profili di facciata Schüco, le ceramiche Sant’Agostino, i rivestimenti in legno di larice di Legnoforniture, le batterie di accumulo energia Fiamm, i vetri di Guardian Glass, la porta di ingresso di Olcese Ricci, il sistema di riscaldamento radiante a pavimento Santoni, i pannelli fotovoltaici Solbian, i quadri elettrici Siemens e i sistemi di protezione da scariche elettriche Dehn. La croce è stata realizzata da Legnotech. La webcam è stata realizzata grazie al contributo di SkyWay Monte Bianco.

La realizzazione del Bivacco ha il patrocinio della Regione Valle d’Aosta, dei Comuni di La Thuile e Valgrisenche, dell’Associazione Valdostana Maestri di Sci e dell’Unione Valdostana delle Guide di Alta Montagna.

Una parete della piccola costruzione racconterà del progetto e ricorderà tutti coloro, aziende e persone, che hanno supportato la sua realizzazione.