Architettura

Cescolina², il loft milanese dove la luce è protagonista

Novembre 9, 2020
Avatar

scritto da:

Cescolina², il loft milanese dove la luce è protagonista

 

Cescolina² è il progetto realizzato di recente da Nomade Architettura a Milano e nato quando la famiglia della fondatrice dello studio di architettura si è duplicata, portando a quattro i suoi componenti: da qui la necessità di una casa più grande rispetto alla prima Cescolina.

La casa era stata ristrutturata alla fine degli Anni Novanta a partire da un vecchio opificio, mettendo al centro la luce e prendendo ispirazione dalla Domus romana: si sviluppa su quattro livelli, collegati da una scalinata scultorea che si affaccia sulla grande vetrata inclinata.

Gli interni di Cescolina² sono stati rivisitati in maniera eclettica, mantenendo però pressoché invariata la disposizione in pianta: gli ambienti colorati e differenti tra di loro e, pur trattandosi di un loft, la casa riesce a mantenere separazione e privacy, con una zona notte defilata e tradizionale.

L’ingresso si apre su un ampio ambiente che consente allo sguardo di percepire la complessa architettura della casa, mentre sullo sfondo si apre l’ampia vetrata a doppia altezza che inonda lo spazio di luce: qui la scritta al neon Cescolina², coronata da un ampio lampadario dà il benvenuto a chi entra.

Su questo piano si trovano la camera da letto matrimoniale con il suo bagno in cementine marocchine dalle nuances grigio-verdi e la camera da letto dei bambini, con bagno direttamente collegato; c’è poi un ulteriore piccolo bagno ospiti fortemente caratterizzato dalla carta parati Teatro di Fornasetti.

La scala prosegue verso la parte più alta dell’abitazione, in cui si trovano la cucina con isola che si affaccia sulla corte e la sala da pranzo: la cucina ha linee pulite, caratterizzate da un marmo statuario, mentre nella zona pranzo cattura la vista il tavolo blu pensato appositamente per il progetto, accompagnato da una parete colorata da fotografie ed illustrazioni; da questo livello è possibile accedere all’ampio terrazzo e scendendo la scala si arriva alla zona tv ed allo studio.

La zona tv è molto colorata, caratterizzata da un’ampia carta da parati Hermes con un’illustrazione dell’artista francese Kevin Lucbert, i divani sono i Togo di Ligne Roset, il tappeto è un acquisto della proprietaria in un viaggio in Marocco e la libreria è stata da lei appositamente disegnata per l‘ambiente.

Lo studio, che si trova allo stesso livello, è invece caratterizzato da un sapore più retrò, divano, lampada, arredi e decorazioni sono ricordi di famiglia; infine, al piano inferiore la discesa con la scalinata è stata il pretesto per creare una sala cinema, un ambiente inedito che rende ancora più unica questa casa milanese.