Architettura

Il nuovo museo di Libeskind che celebra la storia dell’uomo

Giugno 24, 2019

scritto da:

Il nuovo museo di Libeskind che celebra la storia dell’uomo

Punta ad offrire un’esperienza educativa e scientifica unica nel suo genere, indagando e celebrando al tempo stesso la lunga e affascinante storia dell’uomo fin dalle sue origini sulla Terra: è un obiettivo ambizioso quello che si porrà il nuovo Ngaren. The Museum of Humankind, progettato dall’architetto Daniel Libeskind in collaborazione con il noto paleoantropologo Richard E. Leakey e la ONG da lui fondata, chiamata appunto Ngaren.

Per sottolineare il ruolo fondamentale svolto dall’Africa nell’evoluzione umana, il museo sorgerà proprio nella Rift Valley in Kenya, a picco su una scogliera, esattamente nel punto in cui fu scoperto il celebre Turkana Boy, ossia il primo scheletro completo di uomo primitivo mai ritrovato.

Il progetto prevede due volumi monolitici che si stagliano verso l’alto come stalattiti verticali e s’ispira alle forme delle punte delle asce primitive utilizzate dall’uomo preistorico, la cui vicenda verrà esplorata risalendo fino a due milioni di anni fa; un terzo volume con copertura a cupola completerà il complesso.

Un percorso inclinato con pareti vegetali sarà infine scavato all’interno della collina per condurre all’interno del museo tramite un ingresso vetrato. Per quanto riguarda gli interni, invece, vige ancora il riserbo ma secondo gli architetti saranno “interattivi e avanguardistici”.

L’opera sarà finanziata attraverso una campagna di crowfunding che mira a raccogliere 7 milioni di dollari e dovrebbe essere completata nel 2022, anche se il complesso risulterà visitabile soltanto a partire dal 2024.