Il nuovo Ospedale del Sud Salento di Mario Cucinella Architects Il nuovo Ospedale del Sud Salento di Mario Cucinella Architects
Architettura

Il nuovo Ospedale del Sud Salento di Mario Cucinella Architects

Scritto da Redazione |

22 Ottobre 2019

Una struttura ospedaliera pubblica d’eccellenza ma anche un progetto architettonico in sintonia con le caratteristiche del luogo in cui si inserisce, sostenibile e umano: è questo il concept per il nuovo Ospedale del Sud Salento progettato dallo studio Mario Cucinella Architects a Maglie, in provincia di Lecce.

Il settore dell’edilizia sanitaria, del resto, ha la necessità di coniugare per sua specifica natura funzionalità ed efficacia con la creatività e il calore di un ambiente a misura d’uomo: per questo, nel progetto dell’Ospedale si è ritenuto fondamentale dare pari importanza e dignità agli spazi destinati alla diagnostica, al pronto intervento e alle esigenze primarie del paziente legate alla malattia come a quelli destinati all’ambiente, al decoro e alla cura di tutti gli aspetti che rendono più “tollerabile” la degenza del malato nell’ambiente di cura.

Per attendere a tali obiettivi il concept propone un edificio unitario anche se articolato, la cui forma organica deriva dal connubio tra la particolare morfologia dell’area, longilinea e costretta tra due infrastrutture viarie, con l’intenzione di salvaguardare il più possibile le aree di degenza dei pazienti e di accoglienza dei visitatori.

Inoltre, l’architettura dell’ospedale supera il vecchio modello dell’ospedale a padiglioni e si snoda quindi in tre volumi principali, sviluppati su tre piani, che come una massa viva si flette e arretra rispetto ai limiti del lotto, per proteggere e salvaguardare le aree più sensibili come quelle dell’accoglienza e della degenza.

Questa permeabilità all’ambiente esterno non interrompe le connessioni funzionali interne tra un’area assistenziale e l’altra, consentendo di prevedere e realizzare grandi elementi paesaggistici verdi, vere e proprie colline alberate, che proteggono ulteriormente dal rumore e offrono affacci di indubbia qualità alle camere di degenza e agli ambienti di lavoro del personale.

Il complesso architettonico proposto, maturato dalla traduzione strutturale delle funzioni assistenziali (la forma deriva dalla funzione), permette di allocare le aree di degenza (più di 400 posti letto) e le connesse attività diagnostiche di supporto (compresa l’area dell’emergenza-urgenza) nei due corpi di fabbrica posti a Sud mentre a Nord sono concentrate le funzioni out-patient (ambulatori, prelievi, dialisi, pre-ricovero, etc.) e l’area assistenziale della mamma e del bambino.

Una nuova visione progettuale per un ospedale concepito per esaltare il potere curativo della natura e del paesaggio.

Images Courtesy of Mario Cucinella Architects.

Questo articolo parla di:

Precedente

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Successivo

ADI Index 2019, l’architettura in un cioccolatino

AeT Italia, il lusso contemporaneo della collezione Elite
Design

AeT Italia, il lusso contemporaneo della collezione Elite

Lavorazioni dall’impronta luxury che non rinunciano al design contemporaneo. La ricetta di AeT Italia per la collezione...

Ceramiche Keope presenta Interno4, la nuova linea marmo ispirata ai palazzi di Milano
Design

Ceramiche Keope presenta Interno4, la nuova linea marmo ispirata ai palazzi di Milano

La tradizione italiana del marmo unita allo splendore dei palazzi milanesi e della loro architettura: da queste due...

La nuova sede Milkman a Verona firmata Studio Wok
Architettura

La nuova sede Milkman a Verona firmata Studio Wok

Per il nuovo quartier generale di Milkman a Verona gli architetti di Studio Wok hanno progettato uno spazio di lavoro in linea con...