Architettura

Jiu Ke Shu Future Art Center, iGuzzini illumina il nuovo polo culturale di Shanghai

Giugno 19, 2020
Avatar

scritto da:

Jiu Ke Shu Future Art Center, iGuzzini illumina il nuovo polo culturale di Shanghai

 

Ispirato al concetto di infinito e rinnovamento continuo che accomuna il ciclo di vita degli alberi al valore del numero nove secondo i principi della numerologia, il nuovo Jiu Ke Shu (in italiano ‘nove alberi’) Future Art Center di Shanghai è un complesso culturale di 60.000 m² completamente immerso nella natura.

© Seth Powers

L’edificio è composto da cinque teatri, da spazi adatti a prove generali e alla produzione di diverse tipologie di spettacoli e offre un’area di svago e relax in mezzo al verde destinata a tutti i cittadini della metropoli cinese.

© Seth Powers

Non a caso il progetto architettonico, messo a punto da Atelier Frederic Rolland e da Shanghai Construction Design & Research Institute, si ispira totalmente al mondo della natura: l’architettura è, infatti, ampia, dominata da linee curve e fluide di ispirazione organica, l’uso abbondante di vetro rafforza il dialogo tra spazio interno ed esterno, mentre l’attenzione all’ambiente si riflette anche nell’abbattimento dei consumi energetici dell’edificio, reso possibile grazie all’utilizzo di sistemi specifici.

© Seth Powers

Anche la luce ha un’importanza fondamentale nell’economia del progetto, e per questo sono state adottate soluzioni d’illuminazione iGuzzini: in particolare, all’interno della grande hall sono stati applicati incassi Reflex, che rendono particolarmente brillante l’intreccio delle travature del soffitto, e installati proiettori Palco e Front Light per illuminare in modo omogeneo il grande bassorilievo al centro di questo spazio, per tutta la sua altezza e senza ombre.

© Seth Powers

Gli incassi Reflex illuminano perimetralmente anche la sala del Gran Theatre, lo spazio più ampio del complesso, che può ospitare fino a 1.200 persone, mentre nell’ambiente outdoor sono stati inseriti incassi Light Up Earth, che assicurano un’illuminazione omogenea della superficie esterna del primo livello degli edifici, proiettori Woody, che forniscono luce alla corona superiore del teatro, e gli incassi Walky, installati nella versione rettangolare, per permettere ai visitatori di percorrere le basse scalinate di accesso all’edificio in totale sicurezza.

© Seth Powers

Con il Jiu Ke Shu Future Art Center iGuzzini arricchisce quindi uno spazio già di per sé straordinariamente innovativo con impianti luminosi di grande qualità, ottimo esempio della qualità Made in Italy richiesta in tutto il mondo.