La riqualificazione della sede Allianz in Corso Italia a Milano La riqualificazione della sede Allianz in Corso Italia a Milano
Architettura

La riqualificazione della sede Allianz in Corso Italia a Milano

Scritto da Redazione |

14 Ottobre 2019

La storica sede del Gruppo Allianz diventa un nuovo campus di uffici: è la proposta dello studio SOM per la riqualificazione dell’headquarter di Corso Italia 23 a Milano, concepita con l’obiettivo di raccogliere la sfida per la creazione di un ambiente lavorativo globale e in continua evoluzione, posizionato nel centro urbano con tutti i vantaggi delle attività offerte dalla città.

Il progetto trasforma il complesso storico di circa 50.000 m2, originariamente progettato dagli architetti Gio Ponti, Piero Portaluppi e Antonio Fornaroli nei primi anni ‘60, in una nuova destinazione ad uso ufficio che adotti i concetti più avanzati di sostenibilità, flessibilità, strategie del workplace, benessere e “smart building”, mantenendo una continuità di dialogo con il progetto originale di Ponti e Portaluppi.

Il progetto abbraccia tutte le sfaccettature della sostenibilità, ambiente, gestione delle risorse e persone: in linea con gli obiettivi e le aspirazioni dello standard LEED Gold, la proposta integrata prende in considerazione strategie passive e attive specifiche legate alle caratteristiche climatiche della regione per migliorare le prestazioni dell’edificio, stabilendo un esempio di eccellenza in materia di performance ambientali; il progetto aspira inoltre a raggiungere la certificazione WELL Gold (Well Gold Building Standard), utilizzando dunque la progettazione per migliorare la salute e il benessere di chi lo utilizza.

Il progetto proposto ripristina alcune delle aspirazioni originali di Gio Ponti, che intendeva migliorare la connettività con la città e all’interno degli edifici, ponendosi come obiettivo la creazione di una nuova identità per il campus: l’approccio inside-out del progetto, che pone al centro le persone, mira infatti a soddisfare le esigenze degli utenti offrendo uno spazio lavorativo flessibile e adattabile, supportato da un solido programma di servizi ed amenities irrinunciabili per gli occupanti.

Inoltre, la nuova corte interna, con il suo gradevole giardino, costituisce il cuore del campus di Corso Italia 23, creando interazione tra il gruppo di edifici e prestandosi a una molteplicità di utilizzo, offrendo servizi e la possibilità di godere di una “user experience” più appagante.

Gli interventi chiave per adeguare il campus agli spazi lavorativi contemporanei comprendono l’aggiunta di nuove lobby, destinate a vari profili di utilizzo: l’uso di una serie coerente di materiali, dettagli e finiture permette di creare landscape continuo a piano terra, creando coesione tra i nuovi elementi del campus, tra cui semplici cambi di quota che conducono la comunità degli uffici verso il Fitness Center, il Business Center, l’area Retail e la Food Hall.

In più, le scale a spirale collegano visivamente gli spazi degli uffici con il landscape, mentre altri spazi di aggregazione e servizi favoriscono incontri informali e promuovono l’attività fisica e il benessere sul luogo di lavoro.

Al fine di ottenere uno spazio flessibile e per ottimizzare l’area degli uffici, gli spazi strategici che ospitano scale e sale riunioni sono stati consolidati così da ottenere un’area più ampia e permettere di adottare diverse strategie per lo spazio lavorativo che favoriscono la collaborazione, la creatività e la concentrazione dei dipendenti e che agiranno da catalizzatore per la permanenza del personale e l’attrazione dei talenti.

I piani degli uffici sono dotati di spazi hub centrali che creano una connessione verticale dell’edificio e mettono a disposizione dei dipendenti una serie di spazi comuni: luoghi di incontro, spazi per telefonare e aree lounge sono il background necessario per permettere interazioni collaborative e fortuite che possono generare nuove idee e vibrazioni positive.

Tutte le facciate degli edifici sono state riprogettate con cura per dare al campus una nuova identità: attraverso l’aggiunta di elementi in copertura è stato possibile realizzare terrazze per gli uffici executive e spazi verdi adibiti a usi diversi e con viste stupende di Milano, creando un ambiente esclusivo per chi li occupa e per i visitatori; in più i giardini e le terrazze pensili sono a disposizione di tutti gli abitanti del campus e sono un luogo in cui è possibile ritirarsi per isolarsi dall’attività del campus.

La rivitalizzazione dell’area di Corso Italia conferma così Milano come una delle città europee più vivaci e catalizzatrice dello sviluppo futuro.

Questo articolo parla di:

Precedente

Robert De Niro e Bjarke Ingels realizzano i nuovi Studios di New York

Successivo

The Art of Shaping, Carlo Colombo racconta la magia del progettare

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma
Architettura

Gio Ponti, la grande mostra al MAXXI di Roma

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico e artista: nel corso della sua vita, iniziata e conclusa a...

Martini, il mobile veronese verso il 2020
Design

Martini, il mobile veronese verso il 2020

Per chi fa impresa i cambiamenti della società e del mercato generano ogni giorno nuove sfide: quando queste interessano il...

 Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti
Design

Sponge, i vasi da fiori in marmo di Moreno Ratti

Sponge, “spugna”, è il nome della collezione di vasi da fiori progettati dall’architetto e designer italiano Moreno...