Architettura

LOFT, il complesso industriale che diventa residenziale

Settembre 19, 2022

scritto da:

LOFT, il complesso industriale che diventa residenziale

 

A Milano, nella zona periferica di Viale Monza, lo studio di architettura Botticini + Facchinelli ARW ha trasformato una tipica struttura industriale del dopoguerra nel nuovo progetto residenziale LOFT, a pochi passi da metropolitana e passante ferroviario.

L’architettura è costituita da tre blocchi con una tipica sezione a capanna e una struttura interna di acciaio. Tre lunghe navi industriali parallele presentano un corpo di fabbrica e sono incise da patii che consentono di recuperare lo spazio per un uso abitativo. Pur mantenendo intatte le caratteristiche dell’edificio industriale preesistente, la struttura è stata arricchita da grandi vetrate, giardini privati e patii interni.

Il progetto comprende 25 loft, che costituiscono un elegante complesso residenziale, sviluppato su piano terra e mezzanino, con volumi di taglia diversa e tutti dotati di giardino privato, sia con patio interno che con giardino esterno, mentre 4 appartamenti sono dotati di logge che si affacciano all’esterno.

Ciascuna unità abitativa è dotata almeno di un box auto/posto auto nell’autorimessa collocata al piano interrato; gli ingressi pedonali sono due, rispettivamente da Via Parmenide e da Via Columella.

I loft offrono soluzioni abitative diversificate nei tagli e nei volumi, ad alte performance energetiche. La generosa altezza interna permette di innestare palchi soppalcati e l’uso del grigio scuro per gli intonaci in contrasto con l’intenso verde che avvolge la struttura, crea una dimensione nuova di grande qualità spaziale, dove la presenza importante della luce, insieme al verde privato intorno, favorisce la privacy anche dal punto di vista acustico.

All’interno, ogni unità abitativa è stata pensata con l’intento di mantenere una continuità di tipo cromatico e materico con l’edificio preesistente, integrando elementi del progetto di tipo conservativo a interventi strutturali più innovativi.