Architettura

Madrid Nuevo Norte, la rigenerazione urbana più grande d’Europa

Agosto 1, 2019

scritto da:

Madrid Nuevo Norte, la rigenerazione urbana più grande d’Europa

Se ne parla già come del progetto di rigenerazione urbana più grande d’Europa, finalizzato a realizzare in Spagna quella che potrebbe definirsi a tutti gli effetti una “piccola Manhattan”.

Dopo 26 anni di discussioni e rinvii, la Commissione urbanistica del Comune di Madrid ha recentemente approvato il grande piano denominato Madrid Nuevo Norte, un ambizioso progetto urbanistico che mira a riqualificare il quartiere madrileno di Chamartìn, a nord della città, ospitante al suo interno una stazione ferroviaria, la grande strada Paseo de la Castellana, l’autostrada M30 e il celebre stadio Santiago Bernabeu.

Nonostante ciò, la zona è sempre stata ritenuta piuttosto periferica se non addirittura isolata: per rilanciarla, è stato chiamato lo studio di architettura Simon Smithson (di cui fa parte il premio Pritzker Richard Rogers), che ha collaborato con lo studio locale RH Arquitectos di Javier Herrero.

Il piano ha tra i suoi obiettivi quelli di raddoppiare il flusso di viaggiatori nella stazione, triplicare i treni ad alta velocità e ridurre la durata del trasferimento dalla stazione all’aeroporto internazionale di Madrid; inoltre alcuni binari della stazione dovranno essere interrati per permettere la nascita di una grande area verde da concepire però non soltanto come un parco.

Si tratterà infatti di uno spazio misto, comprendente strade, negozi, uffici e complessi residenziali, nel tentativo di rendere la zona vivace e frequentata a tutte le ore del giorno; inoltre, la zona verde costituisce il primo passo per la realizzazione di una rete di parchi pubblici che dovrebbero unire il centro di Madrid con il Monte del Pardo, il bosco a nord della città.

Ancora, la stazione Chamartìn diventerà il polo attorno al quale far crescere un importante centro finanziario grazie alla costruzione di uffici e tre nuovi grattacieli (tra cui uno destinato a diventare il nuovo edificio più alto di Madrid).

Verranno poi aperte una nuova stazione della metro e una per i treni suburbani, saranno create una nuova linea di autobus e diverse piste ciclabili; infine, verranno edificate oltre 10.500 nuove abitazioni, delle quali il 20% destinato ad alloggi popolari.

Un progetto monumentale per il cui completamento, secondo alcune stime, occorreranno circa 25 anni.