Milano Design Week 2019, Hotel Regeneration torna a Lambrate Milano Design Week 2019, Hotel Regeneration torna a Lambrate
Architettura

Milano Design Week 2019, Hotel Regeneration torna a Lambrate

Scritto da Redazione |

07 Marzo 2019

In occasione della Milano Design Week 2019, Hotel Regeneration torna al Lambrate Design District negli spazi di OfficinaVentura14: quest’anno la più grande e coinvolgente mostra/agorà dedicata al contract diventa ancora più “social” e getta le basi di un innovativo concept che intende offrire al suo visitatore un’esperienza inclusiva, fruibile a 360 gradi, basata sulla triade social space | social life | social time

Hospitality, smart technology ed avanguardia progettuale si fondono insieme dando vita ad un happening di grande valore espressivo e contenutistico in cui gli ambienti che usualmente compongono la struttura alberghiera assumono forme inaspettate, basate sulle mutate esigenze dell’uomo contemporaneo e volte a favorire l’interazione, lo scambio di informazione, l’ibridazione delle funzioni; l’idea di essere social, di comunicare, pervade l’intero spazio dando vita a nuove modalità di pensiero e di movimento per gli ospiti.

Hotel Regeneration, quindi, si configurerà anche come un contenitore frizzante e innovativo di eventi, conference, performance e meeting in cui interverranno i maggiori operatori dei settori dell’ospitalità, del contract e del real estate attuale.

Tra le novità del 2019 un panel convegnistico con l’intervento delle più alte cariche governative e associative illustrerà i programmi futuri del comparto; ci sarà una forte presenza di rappresentanti internazionali, grazie alla partnership con la tedesca PKF hotelexperts; investimenti, numeri di mercato e trend saranno infine gli altri argomenti oggetto di dibattito nel palinsesto degli incontri.

Tutti gli elementi che compongono lo spazio disegnati da Simone Micheli si presentano come snodi fondamentali di un unico network principale, cuore pulsante dell’installazione, che catalizza l’attenzione e guida le differenti risposte spaziali e funzionali sulla base dell’interazione live che avviene con i visitatori della mostra.

Nove aree principali comporranno lo spazio e permetteranno al visitatore di accedere ad uno spaccato circa il prossimo futuro dell’ospitalità: Love Life è una suite dedicata all’amore ed alla condivisione, Purity Time al benessere; Moon Space rivela l’enfasi di un ambiente outdoor, Cozy Time è il luogo dedicato alla cultura ed al nutrimento della mente,  Creative Life è un appartamento, che stimola il pensiero e la voglia di fare insieme, Balance Space è una dinamica ed accogliente hall, Double Time è un luogo che combina l’atmosfera di rilassamento sensoriale dell’area notte con il networking e l’incontro. 

Ancora, Refresh Space è l’area bar volta a rigenerare mente e corpo, mentre l’avanguardistico recupero della zona bagno si trasforma in una vera e propria opera permanente firmata dall’architetto Simone Micheli per Officina Ventura 14, destinata a restare anche dopo la settimana del design; completano lo spazio Social Space e Social Life, luoghi volti al business, al networking e ad esaltare il valore delle eccellenti aziende e delle realtà partner dell’iniziativa; Social Time è il nome della conference area dedicata agli speech, allo scambio di pensieri, al dialogo; infine, all’ingresso Hello Time è il desk che accoglierà gli ospiti e fornirà loro tutte le informazioni necessarie alla visita.

Tutte le aree sono firmate dall’architetto Simone Micheli e realizzate con prodotti tailor-made - ciascuna guidata dalla filosofia primaria del brand che promuove la sua realizzazione con l’obiettivo di costruire, insieme, una struttura in cui il visitatore usufruisce totalmente di ciò che si trova di fronte: sperimenta gli arredi, testa gli oggetti, gioca con le funzioni ed esprime la sua opinione, indispensabile per il compimento dell’opera, proprio come nel web 2.0.

La tematica social attraversa l’intera installazione assumendo aspetti diversi in base alle differenti applicazioni e costituendo il filo rosso che lega l’impianto progettuale all’approccio espositivo: coinvolgendo il visitatore e promuovendo la creazione di esperienze totalizzanti con l’intento di dare vita ad un’intesa eterea ma salda e duratura, indispensabile alla buona riuscita di ogni incontro, meeting di lavoro, evento.

In conclusione, grazie anche alla preziosa collaborazione di Hotel & Tourism Forum, Hotel Regeneration si presenta al suo pubblico come luogo dinamico in cui domanda ed offerta si incontrano e mostrano al pubblico il risultato della loro collaborazione.

Le porte si apriranno lunedì 8 aprile con l’11esima edizione dell’Hospitality Award, riconoscimento volto a premiare le eccellenze del mondo turistico e ricettivo. Ci vediamo lì.

Precedente

Il senso di essere architetti: Matrix4Design incontra OBR – Open Building Research

Successivo

La casa a specchio di Doug Aitken a Gstaad

Dall’architettura all’arredo, Nicola Gisonda disegna le novità Mentemano
Design

Dall’architettura all’arredo, Nicola Gisonda disegna le novità Mentemano

Pensiero e funzione, idea e azione, mente e mano. Punta sull’equilibrio degli opposti il nuovo brand Mentemano, che si...

Milano Design Week 2020, Riflessi presenta Meghan
Design

Milano Design Week 2020, Riflessi presenta Meghan

Alla Milano Design Week 2020 va in scena la comodità. Presso lo store di piazza Velasca 6 a Milano, Riflessi presenta infatti...

Blaarchitettura ristruttura un sottotetto a Torino
Architettura

Blaarchitettura ristruttura un sottotetto a Torino

Lo studio di architettura torinese Blaarchitettura ha di recente completato un importante intervento di recupero del...