Architettura

Sunoo Temple House, la spiritualità incontra l’ambiente

Marzo 29, 2021
Avatar

scritto da:

Sunoo Temple House, la spiritualità incontra l’ambiente

 

Un luogo d’incontro tra l’uomo, l’ambiente e la spiritualità: è Sunoo Temple House, la casa con un tempio privato nel giardino e un tetto verde che diviene parte del paesaggio naturale, progettato dall’architetto indiano Saket Sethi.

Sunoo Temple House, collocata nella periferia di Mumbai, è un prototipo di casa nel quale è possibile produrre il proprio cibo e generare l’energia necessaria per coprire i consumi; l’edificio è circondato da risaie ed è dotato di un giardino non sul tetto, bensì come tetto.

Con i suoi rampicanti sviluppati tutt’intorno all’edificio come tende, Sunoo Temple House è un posto magico nel quale la natura contribuisce a determinare il comfort interno: il giardino consente di mantenere la temperatura sempre piacevole, anche durante i giorni più caldi.

A pochi passi di distanza si erge poi l’originale tempio dalla forma ovale, con una struttura interna a spirale che richiama il concetto dell’indivisibilità; la superficie esterna, ispirata ai colori delle galassie, è realizzata con mosaico Bisazza.

Gli ambienti della casa sono invece impreziositi da manufatti provenienti da viaggi condotti tra l’Italia e Bali e antichità già in possesso del cliente, i quali entrano in continuo dialogo con l’ambiente circostante.

Il divano, protagonista della zona giorno, è un John John di Poltrona Frau e convive armoniosamente con antichi mobili riportati a nuova vita, nel rispetto della filosofia sostenibile che ha guidato l’intero progetto; il tavolo da pranzo è una creazione di Saket Sethi, concepita appositamente per Sunoo Temple House usando componenti metallici tagliati a laser.

Ogni elemento all’interno della casa è studiato per riverlarne una parte del carattere, senza che esso sovrasti l’atmosfera dettata dal paesaggio circostante. Conclude Sethi:

Dobbiamo tutti iniziare ad ascoltare la natura, in qualsiasi modo possiamo. Anche con un piccolo appezzamento di terra, vivere in modo sostenibile è una strada possibile”.