Architettura

Un appartamento di lusso a Palazzo Doria Pamphilj

Giugno 13, 2018

scritto da:

Un appartamento di lusso a Palazzo Doria Pamphilj

Un appartamento all’interno di Palazzo Doria Pamphilj, uno dei tempi dell’arte di Roma. Il sogno di un collezionista diventa realtà grazie al progetto di Supervoid, i cui architetti si sono posti l’obiettivo di creare una relazione indissolubile tra la casa privata e il monumento storico costituito dall’edificio.

Nel contesto dell’enorme palazzo, dunque, l’appartamento diventa un’ulteriore stanza: la superficie ridotta (190 metri quadri) della casa del collezionista comprende così gli spazi di rappresentanza, un foyer che funge anche da galleria, un’area living con cucina a vista, e quelli più privati, due camere da letto e tre bagni.

L’ingresso-galleria e poi la zona giorno sono lo snodo spaziale e concettuale tra i due poli, quello pubblico e quello privato, mentre le curve dei loro soffitti retroilluminati sono sorprendenti e alludono alle volte degli ambienti storici del Palazzo, filtrate attraverso le suggestioni formali di famose case tardo-moderniste, come le Maisons Jaoul di Le Corbusier e la Maison Carré di Alvar Aalto.

Proprio le volte, spogliate di qualsiasi ambizione decorativa o monumentale e sovrapposte alle superfici monocromatiche dei muri perimetrali, moltiplicate dagli specchi a parete, sono lo sfondo perfetto per le opere esposte, luminoso e quasi astratto come un ambiente ideale.