Maledetto Design, imprenditori e designer conversano sul progettare Maledetto Design, imprenditori e designer conversano sul progettare
Design

Maledetto Design, imprenditori e designer conversano sul progettare

Scritto da Redazione |

08 Marzo 2019

Che cosa trasforma degli oggetti di uso comune in opere di design? E come diventano icone? Qual è la relazione tra forma e funzione? Come s’intercetta il gusto delle persone?

Sono tante le domande che si è posta l’architetto Alessandra Coppa nel suo ultimo libro in uscita per Centauria e intitolato Maledetto Design: “maledetto” perché ci obbliga a non adagiarci mai sul conosciuto in un flusso di costante ricerca del nuovo, eppure così straordinario nella sua capacità di unire cultura umanistica e tecnica sul filo dell’invenzione.

A partire da questa riflessione, il Centro Culturale di Milano (con sede in Largo Corsia dei Servi 4) organizza un ciclo di conversazioni tra designer e imprenditori, curato dalla stessa Alessandra Coppa in collaborazione con Camillo Fornasieri, direttore del CMC: tre appuntamenti che animeranno le settimane precedenti al Salone del Mobile con lo scopo di trasmettere la cultura del design e la conoscenza dei processi all’origine della creazione di un oggetto.

Di volta in volta i protagonisti del dialogo racconteranno la genesi e lo sviluppo degli oggetti attraverso le case history di una decina di essi, da loro selezionati: alcuni realizzati insieme dal designer e dall’imprenditore, altri messi in produzione dall’azienda con altri designer e altri ancora ideati dal designer con altre aziende.

L’obiettivo è spiegare rischi e opportunità di un approccio creativo alla progettazione e del percorso che ha condotto alla realizzazione dell’oggetto, ponendo l’accento sulla relazione tra procedimenti industriali, funzione, forma e spazio.

Il primo incontro, fissato per mercoledì 13 marzo alle ore 18.15, vedrà Giulio Iacchetti e Alberto Alessi riflettere su “Limite. La committenza e l’invenzione.”; mercoledì 20 marzo saranno invece Mario Botta e Maurizio Riva a discutere di “Possibilità. Progetto o disegno?”; infine, mercoledì 27 marzo il tema “Creazione. Nuove funzioni da nuove idee” sarà al centro della conversazione tra Alberto Meda e Franco Caimi.

Nell’anno del 40esimo anniversario dalla morte di Gio Ponti, Maledetto Design crea dunque tre occasioni eccezionali per entrare in contatto con la potenza generativa del design, inteso come strumento privilegiato di traduzione delle idee in forme di realtà. Non mancate.

 

Questo articolo parla di:

Precedente

Déco a MADE Expo, la novità TWIX per progettare “insideOut”

Successivo

Salone 2019, il nuovo comfort di Oliver firmato Milano Bedding

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo
Architettura

La nuova scuola di danza di Barozzi Veiga a Zurigo

Lo studio italo-spagnolo Barozzi Veiga ha di recente completato la realizzazione di Tanzhaus Zürich, la nuova scuola di danza...

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana
Design

Abimis, la cucina Ego protagonista di una villa in Toscana

Tutto il fascino della campagna toscana concentrato in una villa storica sulle colline di Fiesole, a due passi dalla splendida...

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio
Architettura

Hotel La Guardia, i pavimenti Ceramiche Keope all’Isola del Giglio

Immerso nello splendido panorama dell’Isola del Giglio, il design hotel 4 stelle La Guardia è stato di recente...