Design

Matrix4Design intervista Samo a Cersaie 2018

Ottobre 2, 2018

scritto da:

Matrix4Design intervista Samo a Cersaie 2018

Frutto di una sfida imprenditoriale che comincia negli anni del boom economico, oggi il Gruppo Samo è un marchio consolidato in Italia e all’estero nel settore dell’arredo bagno, una realtà leader nella produzione di docce la cui qualità è garantita da una filiera interamente Made in Italy e dalla costante tensione verso l’innovazione. Ampiezza di gamma, diffusione sul territorio, attenzione al cliente e basso impatto ambientale sono i pilastri che reggono il successo di Samo in Italia e all’estero, celebrato anche dalla recente presenza del brand al Cersaie di Bologna. Proprio in questa occasione abbiamo incontrato il Direttore Marketing Claudio Martinolli che ci ha aggiornato sulle ultime novità.

 

Quali sono le novità su cui Samo ha deciso di puntare a Cersaie 2018? 

«Avendo una gamma di prodotto molto completa, le novità non si concretizzano in docce nuove ma in nuove soluzioni, come nuove proposte di colorazione. Sul piano della presentazione del marchio (che rappresenta un’azienda storica, nata negli Anni Sessanta), abbiamo puntato con questo stand a proporre Samo come la doccia per antonomasia, giocando con nuovi claim come “Siamo la doccia” “Si amo la doccia” “Samo la doccia”.

Abbiamo lavorato anche per sottolineare il nostro impegno sul tema dell’ambiente, in quanto lo stand ha una certificazione di impatto zero e qui proponiamo, attraverso i nostri prodotti, il concetto di save water, oltre che di save paper

 

Quali sono i valori che contraddistinguono le cabine doccia firmate Samo? 

«Ritengo che un’azienda sia simile a un organismo umano e che, in quanto tale, debba avere uno scopo. Per avere una missione deve avere dei valori e avere una visione. L’impatto dell’azienda sull’ambiente e l’uso consapevole dell’acqua ci sta molto a cuore. In questi mesi abbiamo lavorato molto su questo aspetto.»

 

Alla luce della vostra esperienza, quali sono oggi le tendenze più forti nel settore arredo bagno? Come le interpretate?

«A livello di tendenze complessive l’ambiente bagno inizia ad avere una metratura che incide in maniera sempre più significativa nel computo totale del fabbisogno abitativo. Il bagno diventa, per importanza, dimensioni e tempistiche di utilizzo sempre più simile al soggiorno.

Nella casa moderna, infatti, corridoi e cucina indipendente spariscono lasciando il posto ai bagni, che di solito sono più di uno. Questo perché il tempo che si spende in bagno è in crescita. 

Ovviamente tutto ciò ha portato alla presenza di tecnologia nei mobili del bagno: lo specchio deve avere strumenti per ascoltare musica o garantire la riproduzione di filmati tutorial tramite mirroring, sono sempre più necessari sistemi per alimentare lo smartphone, anche a induzione, la luce deve essere sempre più regolabile nell’intensità e nei colori, ci saranno sempre più display. 

L’irrompere del tempo nell’uso del bagno ne modifica inevitabilmente la struttura e in futuro, si romperà lo schema dell’ambiente bagno così come lo pensiamo.»

 

Progetti e/o obiettivi per il futuro? 

«Vogliamo rappresentare l’eccellenza in ogni elemento del mondo bagno e presidiare con i vari marchi i diversi canali distributivi a livello europeo.»