Design

Museo ZOYA, dare forma alla memoria grazie a Nuvolato Architop® e Microtopping®

Maggio 24, 2021

scritto da:

Museo ZOYA, dare forma alla memoria grazie a Nuvolato Architop® e Microtopping®

 

Nel villaggio di Petrischevo, vicino a Mosca, è stato recentemente inaugurato il Museo ZOYA, progettato dallo Studio Architectural Buro A2M e dedicato ad un’importante eroina russa.

Situato su un grande terreno immerso nella campagna e circondato da un villaggio composto prettamente da edifici a un piano, il Museo è stato pensato come un complesso formato da diversi volumi indipendenti ma comunicanti tra loro attraverso un colonnato che corre lungo l’intero perimetro del museo e amplia l’area pedonale esterna coperta, fornendo uno spazio di transizione tra edificio e paesaggio.

L’edificio principale, che copre un’area di 2500 mq, si compone di due piani e un’area espositiva, una caffetteria, un negozio di articoli da regalo e tutti i servizi associati.

Ogni sala è stata pensata come un volume indipendente con una propria funzione espositiva con punti di apertura sull’esterno; lo schema paesaggistico prevede invece un percorso pedonale di 50 m di diametro, che circola attorno ai monumenti storici della Grande Guerra Patriottica Russa, stabilendo così un legame unico con il passato.

La facciata esterna è composta da panelli di cemento armato, che accentuano gli effetti di luce e ombre e interpretano le forme delle case dei villaggi circostanti, mentre all’interno domina il minimalismo assoluto: l’uso di materiali naturali e dalle tonalità neutre consentono infatti di rendere l’esposizione la vera protagonista.

Proprio per questo per le superfici sono state scelte due soluzioni in grado di fornire le più elevate performance tecniche e la neutralità estetica necessaria a risaltare gli esposti: per la sua elevata resistenza al traffico, abrasione e durabilità nel tempo, Nuvolato Architop® è stato utilizzato per rivestire le pavimentazioni del museo, mentre per le pareti e per il bookshop è stato preferito Microtopping®, in grado di donare un effetto vellutato e accogliente al contesto.

Si tratta di due soluzioni contemporanee e continue, ideali negli ambienti museali come questo per unire e ampliare gli spazi.

Inoltre, l’effetto cemento, che sia quello graffiante e brutale di Nuvolato Architop® o quello materico e soft di Microtopping®, ben si abbina a svariati materiali e stili di arredamento, da quelli più eclettici a quelli più rigorosi come nel caso del museo Zoya, nei cui interni sono stati scelti arredi in legno naturale per creare un piacevole contrasto visivo, pur mantenendo l’armonia del tutto.