Salone del Mobile 2018, LAGO presenta Bold Table Salone del Mobile 2018, LAGO presenta Bold Table
Design

Salone del Mobile 2018, LAGO presenta Bold Table

Scritto da Redazione |

02 Maggio 2018

Un nuovo tavolo asimmetrico e libero da ogni vincolo che amplifica l’idea di convivialità.

Quest’anno al Salone Internazionale del Mobile 2018 LAGO ha presentato Bold Table, il nuovo tavolo disegnato da Daniele Lago che sembra voler sfidare la forza di gravità, giocando su un sorprendente effetto di sospensione asimmetrica: il top ultra sottile, connotato da eleganti angoli smussati, è sostenuto infatti da un solo supporto decentrato.

La magia sta nell’ombra, elemento fisico nero che elude la presenza di una base e dona stabilità assieme alla gamba di supporto; inoltre, l’assenza di gambe ingombranti libera il tavolo da ogni vincolo e lo rende un elemento di arredo confortevole e versatile, adatto ad ospitare più commensali contemporaneamente, amplificando il senso di convivialità e rendendo la condivisione il suo punto di forza. 

Bold Table diventa così la scelta perfetta per un nuovo concetto di spazio.

Questo articolo parla di:

Precedente

Salone del Mobile 2018, i nuovi prodotti firmati Kreoo

Successivo

Aran Cucine presenta OASI: Matrix4Design intervista Stefano Boeri

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia
Architettura

Il ponte-museo “contorto” di BIG in Norvegia

Il Kistefos Sculpture Park di Jevnaker, in Norvegia, è il più grande parco di sculture dell’Europa settentrionale che...

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019
Design

Salone del Mobile.Milano Moscow, i vincitori del SaloneSatellite Moscow Award 2019

All’ultima edizione del Salone del Mobile.Milano Moscow c’è stato spazio anche per la Russia dei giovani designer, che...

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità
Design

Sacco goes green, l’icona Zanotta sceglie la sostenibilità

50 anni di Sacco: l’icona pop e anticonformista firmata Zanotta, simbolo della trasformazione culturale del ’68, non...