#dontstopdesign Architettura

Thinking before creating, la progettualità olistica e green di Anidride Design

Dicembre 15, 2020

scritto da:

Thinking before creating, la progettualità olistica e green di Anidride Design

 

Una visione del progetto a 360 gradi, imperniata sul concetto di sostenibilità. La propone Anidride Design, lo studio multidisciplinare fondato dall’architetto Nicola De Pellegrini con il socio Giovanni Bez il cui campo di azione spazia dall’architettura agli interni, dal design di prodotto alla comunicazione. Presente in Italia e all’estero, con particolare attenzione a Europa, Stati Uniti e Paesi arabi, lo studio si distingue per la volontà di migliorare in modo olistico la qualità della vita delle persone, all’insegna del motto “thinking before creating”. Li abbiamo intervistati.

Nicola De Pellegrini e Giovanni Bez

Quali sono i principi che guidano il modo di progettare di Anidride Design?

Nei nostri lavori adottiamo sempre un approccio olistico che ci consente di analizzare il progetto da più punti di vista, considerando aspetti differenti. Siamo uno studio multidisciplinare che si occupa di architettura, di interni, di design del prodotto e di comunicazione, pertanto in ogni lavoro cerchiamo di considerare assieme i principi di questi diversi settori, per ottenere risultati integrati più completi ed efficaci. Siamo inoltre molto attenti agli aspetti produttivi del progetto, considerando sempre l’efficienza e la fattibilità dei nostri lavori. Ci piace pensare ad un progetto in una visione a 360° che comprenda tutte le fasi, dal concept iniziale alla realizzazione finale. In questo articolato processo creativo l’approccio circolare e i principi di sostenibilità sono imprescindibili.

Tikal – Talenti Outdoor

Perché la sostenibilità è un tema centrale in tutto ciò che fate?

Mettiamo la sostenibilità al centro di tutto ciò che facciamo perché per noi non esiste alternativa. Stiamo attraversando un periodo molto importante di transizione per affrontare e superare diversi problemi sia a livello globale che locale, come il cambiamento climatico, l’inquinamento ambientale e la disuguaglianza sociale.

Siamo designer e architetti, progettiamo oggetti ed edifici e siamo coscienti di essere tra le figure chiave che possono contribuire particolarmente a questa transizione attraverso la nostra creatività e l’innovazione del nostro operato. Sentiamo la responsabilità e necessità di fare la nostra parte.

Platinum Hotel – Stati Uniti

Su quali basi fondate la vostra collaborazione con i brand? Come riuscite ad entrare in relazione con la loro identità senza smarrire la vostra?

Lavorando in settori differenti (design, architettura, comunicazione) e in mercati differenti (Stati Uniti, Paesi arabi, Europa) il nostro punto fisso e ciò che ci contraddistingue è sempre il metodo. Il nostro approccio è la nostra identità, “thinking before creating” il nostro motto.  Non progettiamo per imporre un’identità stilistica riconoscibile ma per fornire un approccio di lavoro efficace ai nostri clienti. Prima di progettare un oggetto, un edificio o un negozio, ciò che facciamo è ascoltare. Analizziamo con attenzione le richieste e le necessità del cliente, entriamo nel suo mondo e diventiamo parte integrante della sua azienda. In questo modo riusciamo a trasferire i valori del cliente o del brand all’interno dei nostri progetti, rendendoli sempre unici e speciali.  La diversità dei nostri clienti per noi è un grande valore, che ci consente di crescere e di imparare sempre nuove visioni del mondo.

Platinum Headquarters – Stati Uniti

Quali sono le caratteristiche che, secondo voi, non devono mancare mai in un edificio contemporaneo? E in un oggetto?

La priorità di oggi è di realizzare edifici ed oggetti che migliorino la qualità di vita delle persone, rispettando l’ambiente che ci circonda. I principi di sostenibilità sono fondamentali in tutto il processo progettuale. È importante lavorare con materiali sostenibili, che rispettino l’ambiente e che durino nel tempo per aumentare il ciclo di vita di ciò che produciamo, ma è altrettanto importante pensare a come i nostri progetti possano cambiare in meglio la vita delle persone, introducendo i principi del well-being design sia per edifici residenziali che direzionali o produttivi.

Questi principi stanno alla base della nostra filosofia progettuale anche quando parliamo di prodotti. Lo studio sull’utilizzo, la scelta dei materiali e l’attenta analisi del processo produttivo, ci permettono di fare scelte consapevoli prescindendo dal mero impatto estetico degli oggetti che disegniamo.

Hard Rock Hotel Restaurant – Stati Uniti

Progetti per il futuro?

Attualmente abbiamo progetti aperti in ogni settore, sia pubblico che privato. In particolare, stiamo lavorando sul progetto architettonico di una malga che rivoluziona completamente il modello ricettivo in alta quota. Un’architettura contemporanea sostenibile di forte impatto estetico che si integra perfettamente con il contesto naturale che la circonda.  Stiamo inoltre progettando un edificio scolastico che prevede la certificazione CasaClima School, un sigillo di qualità che comprende sia aspetti ecologici che sociali ed economici. Questo tipo di strutture sono luoghi perfetti per sensibilizzare bambini e adulti al tema della sostenibilità.

Lavoriamo quotidianamente anche su progetti negli Stati Uniti, sia ambito ricettivo (hotel) che residenziale. Sono da poco iniziati i lavori per la realizzazione di una villa privata di lusso situata a Houston, TX. Un progetto imponente che ci vede impegnati sia nella progettazione architettonica, sia negli interni. Attraverso questi ed altri progetti statunitensi, cerchiamo di portare le competenze europee in termini di sostenibilità e design nel mercato americano.

Riguardo al futuro manteniamo sempre una visione ottimistica pensando a questo preciso momento storico come ad un’occasione per consolidare un approccio progettuale che metta al centro gli aspetti di sostenibilità e di well-being. Vediamo questo momento di crisi come un possibile motore di miglioramento della qualità di vita, attraverso una nuova progettualità degli spazi e degli oggetti.