Architettura

Co-working, il più grande spazio WeWork ha aperto a Milano

Aprile 19, 2021
Avatar

scritto da:

Co-working, il più grande spazio WeWork ha aperto a Milano

 

È stato inaugurato lo scorso 15 marzo in Via Giuseppe Mazzini 9 in centro a Milano il quarto spazio WeWork in Italia, uno degli hub di coworking più grandi e scenografici del brand il cui progetto è stato curato dallo studio milanese D2U (Design to Users).

A pochi passi dal Duomo, dalla Galleria Vittorio Emanuele, dal Palazzo Reale e dal Teatro alla Scala, situato nell’ex sede della Banca Agricola Milanese, il progetto per l’allestimento degli interni dell’edificio di Via Mazzini è stato realizzato in BIM e si sviluppa su oltre 7.700 mq dislocati su 8 piani, arrivando ad ospitare fino a 1100 persone.

D2U, nel rispetto delle peculiarità storiche dell’edificio, ha curato l’adattamento del concept, trasformando un intero edificio di 8 piani in spazi di lavoro luminosi, con sale riunioni smart ed esclusivi uffici privati, capaci di adattarsi alle esigenze sempre più dinamiche di imprenditori, professionisti e creativi.

Anche il design è stato ripensato per creare ambienti stimolanti e confortevoli: il salone centrale al piano terra, illuminato naturalmente dal lucernario, evoca gli storici cortili milanesi e, nascosto dietro gli archi al centro dell’edificio, permette di godere di un momento di tranquillità lontano dalla vivacità della città; anche gli altri spazi sono concepiti per esaltare il patrimonio storico dell’edificio, utilizzando materiali che prendono spunto dall’estetica della vecchia banca.

I toni caldi e ricchi dell’impiallacciatura opaca di noce delle boiserie delle pareti, mescolati a specchi, ceramiche bianche e nere, sedute imbottite, grafiche e accessori di design, sono stati usati per qualificare lo spazio e renderlo immediatamente ospitale; inoltre, particolarmente impegnativa è stata anche la fase di adeguamento normativo alle prescrizioni in materia antincendio e qualità dei ricambi d’aria per garantire la massima sicurezza dei “members”, grazie anche a tutta una serie di accorgimenti necessari al rispetto dell’attuale protocollo anti-Covid.

Jacopo della Fontana, partner in charge del progetto e CEO di D2U, conclude: “È stata una grande soddisfazione portare a termine questo progetto ambizioso e innovativo in un periodo così complesso, grazie alla grande intesa con il team WeWork e all’utilizzo di strumenti di progettazione all’avanguardia. Un’esperienza sfidante soprattutto per l’alto livello tecnologico di efficienza e di interazione a distanza, che ci ha permesso di portare a termine il lavoro commissionato nei tempi richiesti. Crediamo che l’apertura di una nuova sede di uno spazio di co-working possa dare un segnale molto forte di una graduale ma importante e quanto mai necessaria ripresa.”