Architettura

Existenz Minimum, il loft a Palermo di Studio DiDeA

Gennaio 29, 2018

scritto da:

Existenz Minimum, il loft a Palermo di Studio DiDeA

Si chiama Existenz Minimum il progetto che gli architetti di Studio DiDeA hanno messo a punto all’interno di un vecchio laboratorio artigianale per la produzione di mattoni in cotto nel cuore del centro storico di Palermo: ne è nato un loft dall’impostazione “origami”, dove ogni elemento è disegnato su misura per recuperare spazio e armonizzarsi con il tutto. 

Situato in un palazzo storico, il loft si articola su due livelli d’impianto longitudinale ed è caratterizzato dalla presenza di volte a crociera come copertura; una porta finestra in ferro permette l’accesso dalla corte interna al piano terra, che ospita soggiorno, cucina e bagno. 

L’arredamento della cucina, in grigio antracite, e del living è progettato su misura per sfruttare al meglio lo spazio disponibile: un mobile funge da madia per la zona giorno se chiuso ma all’apertura si trasforma in un piano cottura dotato di quattro fuochi, di lavello in acciaio e di tavolo da pranzo apribile a ribalta. 

Nella zona pranzo il tavolo in legno di rovere è illuminato da un corpo luminoso sospeso mentre nel soggiorno il divano è collocato di fronte a una parte tripartita parzialmente incassata e realizzata sempre in rovere naturale. 

Protagonista dello spazio è la scala, che rappresenta un volume funzionale alla distribuzione degli spazi, ospitando tra l’altro sotto di sé la cucina; inoltre i primi quattro gradini in rovere fungono da mobile contenitore. 

Essa conduce al primo livello, dove si trova la zona notte, che comprende camera da letto con affaccio sulla doppia altezza, cabina armadio e bagno; anche in questo caso lo spazio è organizzato in modo intelligente con la testata del letto che funge da parete divisoria rispetto alla cabina armadio mentre le volte a crociera sono valorizzate dalla presenza di punti luminosi. 

La casa è dunque un esempio di riqualificazione oculata di un edificio storico, funzionale e innovativa ma anche rispettosa dell’eredità del passato.