Architettura

La nuova Royal Opera House of Musical Arts in Oman

Maggio 7, 2019
Avatar

scritto da:

La nuova Royal Opera House of Musical Arts in Oman

Musica e architettura possono incontrarsi? La risposta è sì e ha un indirizzo preciso: la Royal Opera House of Musical Arts progettata da studio WATG a Muscat in Oman, un luogo di incontro e di cultura che mira a rendere il Paese uno dei punti di riferimento per l’arte a livello mondiale andandosi ad affiancare alla già esistente Royal Opera House aperta nella capitale otto anni fa.

Dotato di una sala con capienza pari a 500 posti, il nuovo edificio è destinato a diventare sede di concerti di musica contemporanea e di performance ma ospiterà anche una Music Library (che verrà inaugurata nel 2020) e uno spazio espositivo dedicato a mostre temporanee e permanenti.

Situata nei pressi della Royal Opera House e del quartiere residenziale della città, la Royal Opera House of Musical Arts si collega all’Opera attraverso un ponte pedonale coperto e sospeso e si caratterizza per lo stile al tempo stesso tradizionale e moderno, in cui legno tek dalla Birmania, marmi locali e travertino italiano valorizzano gli elaborati intarsi tipici della storia locale.

Il cortile antistante l’ingresso principale è circondato da alte e larghe arcate ed è pensato per spettacoli all’aperto mentre il palcoscenico interno garantisce altissimi standard di controllo acustico e design dinamico; infine, la Music Library includerà un archivio visivo con spartiti musicali di diverse epoche e sarà allestita con monitor per contenuti interattivi, per dare a tutti la possibilità di fruire la musica in ogni sua forma.

Fotografie di Khalid Al Busaidi.