Architettura

LuOgo – Costruire lo spazio comune a Lugo di Romagna

Luglio 19, 2022

scritto da:

LuOgo – Costruire lo spazio comune a Lugo di Romagna

 

Uno spazio multiforme, raccolto e pubblico allo stesso tempo, un recinto permeabile, una stanza a cielo aperto, una membrana sottile che abbraccia una porzione di spazio pubblico restituendogli nuove funzioni: tutto questo è LuOgo – Costruire lo spazio comune, il progetto ideato nel centro storico di Lugo di Ravenna dal collettivo Orizzontale, che lavora sull’architettura come pratica di inclusione, in sinergia con Edilpiù, brand italiano leader di mercato nel settore dei serramenti, con sede proprio in città.

Nato da un workshop di autocostruzione, LuOgo animerà per tutta la stagione estiva il giardino ai piedi della Rocca Estense, la fortezza bastionata di Lugo, presentando una forma a cerchio, tipica delle architetture nomadi, e costituendo una nuova centralità, seppure effimera e transitoria.

Il processo di realizzazione, durato meno di una settimana (18—24 giugno), è avvenuto attraverso un laboratorio aperto agli abitanti, agli studenti e ai giovani professionisti, per un totale di 15 partecipanti.

Moduli semplici e funzionali, che rendono il cantiere accessibile a tutti, sono accostati per definire un’architettura unitaria ma eterogenea, dove diversi usi troveranno spazio gli uni accanto agli altri.

Arricchita di gradonate, altalene, scivoli e sdraio, la struttura perimetrale in legno è opportunamente dotata di illuminazione a LED e schermata da teli ombreggianti e reti metalliche coperte da piante rampicanti, a costituire un ritmo nella partitura visiva e un filtro di protezione impalpabile tra interno ed esterno.

La grande flessibilità del sistema modulare consente infinite configurazioni, lasciando spazio a talk, concerti, performance e all’inatteso che nasce dall’interazione tra le persone.

In definitiva il nuovo allestimento firmato Orizzontale in sinergia con Edilpiù reinterpreta il concetto di soglia, immaginandola come spazio condiviso e non come confine, con l’obiettivo di riportare la comunità negli spazi collettivi dei piccoli centri urbani.