The Gantry, il design digitale al servizio della comunità creativa The Gantry, il design digitale al servizio della comunità creativa
Architettura

The Gantry, il design digitale al servizio della comunità creativa

Scritto da Redazione |

05 Settembre 2019

Come spesso accade in questi casi, anche i Giochi Olimpici svoltisi a Londra nel 2012 hanno lasciato alla città diverse strutture che oggi, a sette anni di distanza dall’evento, necessitano di essere ripensati e adattati a nuove funzioni.

Lo studio di architettura Hawkins/Brown ha ricevuto l’incarico di riqualificare uno degli edifici presenti nel campus dell’innovazione Here East del Queen Elizabeth Olympic Park, il parco situato nella zona nordorientale della città e realizzato proprio in occasione delle Olimpiadi.

Ne è nato il progetto sperimentale The Gantry, che ha trasformato il vecchio deposito di macchinari per eventi in un collettore di creatività e attività imprenditoriali di vario tipo, dalla società di produzione musicale al produttore di birra fino allo studio di graphic design.

La facciata lunga 240 metri oggi ha l’aspetto di uno scaffale-vetrina da cui si affacciano 21 piccole casette colorate che occupano in totale 3000 metri quadri e godono ciascuna della giusta quota di riservatezza e autonomia.

Inoltre, la peculiarità del progetto consiste nel fatto che ogni blocco, a uno o due piani, è stato realizzato attraverso WikiHouse, un processo di fabbricazione digitale open source ideato dallo studio Architecture 00: pannelli di compensato tagliati con una fresatrice a controllo numerico arrivano in cantiere in flatpack e vengono poi assemblati direttamente sul posto.

Un sistema flessibile e avanguardistico, da tenere in considerazione per uno sviluppo urbano virtuoso capace di trarre il meglio dal tessuto locale anche nella controversa fase successiva all’organizzazione di grandi eventi.

Fotografie di Rory Gardiner.

Questo articolo parla di:

Precedente

Maison Ache, la villa in Toscana tra tradizione e modernità

Successivo

A Londra il supermercato diventa un rifugio per senzatetto

CURA,  le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus
Architettura

CURA, le unità di terapia intensiva di Carlo Ratti e Italo Rota contro il Coronavirus

In risposta all’attuale pandemia di coronavirus, gli architetti italiani Carlo Ratti e Italo Rota hanno progettato CURA...

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group
Design

Progetto Change, la svolta green di Terratinta Group

Terratinta Group è un’azienda leader sul mercato Nord Europeo nel settore delle piastrelle in grés porcellanato ed...

Scarabeo Ceramiche, il sistema FOLD per i mini lavabi
Design

Scarabeo Ceramiche, il sistema FOLD per i mini lavabi

Una soluzione smart e di facile applicazione per ambienti piccoli: è il sistema FOLD, disegnato da Emo design e nato...