Architettura

Villa Uliveto, pietra bianca e alberi d’ulivo per una casa in Puglia

Dicembre 9, 2021

scritto da:

Villa Uliveto, pietra bianca e alberi d’ulivo per una casa in Puglia

 

Gli elementi naturali sono i protagonisti di Villa Uliveto, il progetto completato da Noname Studio a sud della Puglia e segnato da una geometria di forme bianche e pure.

In primo luogo, un basso muro di blocchi calcarei preesistenti delimita la parte carsica del terreno dal podio naturale su cui sorge la villa; in secondo luogo, gli ulivi diventano sculture astratte, espressione simbolica del passare del tempo.

In particolare, un ulivo secolare collocato su un podio naturale è il vero fulcro dell’edificio, la cui composizione presenta un cubo che contiene la zona giorno della villa e interseca un basso prisma oblungo della zona notte. I due volumi sono leggermente ruotati per abbracciare l’albero, cuore di una terrazza aperta e principale spazio relazionale.

Un lucernario verticale permette alla luce invernale di penetrare all’interno della casa e interrompe il sottotetto tra la cucina e la zona pranzo; le diverse aperture inquadrano il paesaggio rurale mentre l’apertura a perno verticale del bagno padronale si affaccia su un patio privato.

Per quanto riguarda i materiali, la pietra di Apricena, un materiale calcareo estratto sulle pendici del Gargano con tonalità che vanno dal beige, all’avorio, al rosa, è stata utilizzata in diverse parti della casa e declinata nelle sue varianti di superficie.

Infine, gli arredi di Villa Uliveto introducono un dialogo con altri mondi e stili, in sintonia con l’atteggiamento cosmopolita dei proprietari.